mercoledì 30 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 01.12.2016 - MANO BLU SOLARE, KIN 87 - GIORNO 9 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU


L'energia galattica di oggi ci predispone ad una bella guarigione. Bene, cosa si intende con il termine "energia galattica"? E' il flusso di amore che crea la vita e che dona equilibrio e misura ad ogni cosa, in ogni tempo ed in ogni spazio. Questo flusso proviene da una Fonte e si diffonde radialmente, cioè a spirale, tutto intorno a sé. La Galassia ha appunto una forma a spirale. Il flusso è composto da codici di luce che sono stati tradotti sotto forma di codici numerici, composti in un Modulo Armonico (Tzolkin = Sacro Computo) che è una mappa identificativa delle qualità dell'Esistenza stessa e di ogni essere vivente.

ILLUSTRAZIONE DA "DIARIO SINCRONICO 2010/2013" PAOLA SANI & GIOVANNA BATTISTINI, WIP EDIZIONI

TZOLKIN, IL MODULO ARMONICO 13X20 - 20 GLIFI X 13 TONI

Perché è in arrivo un flusso di energia di guarigione? Perché oggi il flusso prende la forma del codice di luce della Mano Blu, il settimo tra i 20 glifi decodificati all'interno del Modulo Armonico, la cui parola chiave è Guarigione. 
I 20 Glifi sono quelli disegnati sul lato sinistro dell'illustrazione qui sopra.
La Mano Blu oggi risuona al Tono Solare, il nono tono tra i 13 decodificati quale qualità vibrazionale dell'energia. Questo è il nono giorno dell'Onda della Tempesta Blu e ci proietta dentro la possibilità di chiarire dentro di noi dove vogliamo che la guarigione avvenga. La Tempesta Blu possiede una qualità catartica, che possiamo utilizzare per ripulire il nostro campo personale da pesi ormai inutili che però ristagnano senza che finora abbiamo avuto la forza di scalzarli via. Dal 23 novembre probabilmente l'impulso ad andare oltre i rancori, le costrizioni, gli obblighi, ecc., può essere stato particolarmente forte. Fino al 05 dicembre abbiamo tempo per sfruttare appieno questo impulso e contattare il coraggio per superare le resistenze nel lasciar andare. Sapete qual è la guarigione più potente che ci sia? Affermare con forza: IO SONO! Questa apparentemente semplice formula crea una forza di protezione e di radicamento fuori e dentro di noi. Crea un confine dentro cui prende forma il nostro spazio sacro dove il cambiamento avviene in maniera consapevole. Diciamoci la verità, il cambiamento è costante, nonostante tutto. Noi possiamo renderlo più o meno facile, ma la Vita va avanti nel suo percorso naturale. Con la consapevolezza rendiamo il percorso ricco e nutriente. Con la paura ci facciamo del male e viviamo a metà. Guarire vuol dire sapere chi si è e affermarlo senza paura né scuse, prendendosene la responsabilità piena. E' da lì che nasce l'amore, l'amore quale sana follia di una risata di pura gioia.
Stefania Gyan Salila

martedì 29 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONICO DELLE 13 LUNE DEL 30.11.2016 - ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO GALATTICO, KIN 86 - GIORNO 8 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU


L'Allacciatore dei Mondi Bianco che risuona al Tono Galattico rappresenta lo stato di coscienza che contempla l'inseparabilità tra visibile ed invisibile, quando l'Uomo si rilassa ed il suo cuore sa di poter contenere ogni paura e di essere più forte delle ferite. La mente riprende il suo posto di elaboratore di dati e ciò che guida l'esistenza è l'emanazione dell'eco della nostra vibrazione originaria, quella del Sé divino. 
Detto questo, inoltriamoci dentro le trame del Sincronario: questo è l'ottavo giorno dell'Onda della Tempesta Blu, il giorno del Tono Galattico, che corrisponde alla vibrazione creativa che dà forma alla realtà. Nei sette giorni precedenti ha preso spazio un ulteriore processo di purificazione che ci sta portando sempre più in contatto con strumenti di sopraffina sensibilità. Quando siamo pronti a liberarci dai pesi e lasciamo andare dolori, sofferenze, vittimizzazioni, egoiche richieste di attenzione, voglie di fuga e comportamenti di compensazione, ecco che tutto il nostro sistema umano si apre e funziona al meglio. Entriamo in simbiosi telepatica con l'ambiente e le persone perché si attiva sia il corpo fisico, quale ricetrasmittente sensoriale, che l'antenna dei Chakra alti. Qui opera l'Allacciatore dei Mondi Bianco Galattico, il Costruttore dei Collegamenti Interdimensionali. Riuscire a percepirsi quali creature che possono operare su diversi livelli dell'esistenza, dai più materici e densi ad altri iper-sottili, ma sempre nostri, sempre umani, significa darsi la possibilità di sentirsi multidimensionali. E' questo è il risveglio. 
Stefania Gyan Salila 

lunedì 28 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 29.11.2016 - SERPENTE ROSSO RISONANTE, KIN 85, PORTALE DI ATTIVAZIONE GALATTICA - GIORNO 7 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU CON NOVILUNIO IN SAGITTARIO

CARL GUSTAV JUNG - THE RED BOOK


Il Serpente Rosso che risuona al Tono Intonante è il settimo giorno dell'Onda della Tempesta Blu, il giorno centrale, e come tale connesso con il Vuoto Cosmico della Colonna Mistica dello Tzolkin, il punto di congiunzione con le frequenze d'amore incondizionato.


La Colonna Mistica è il punto mediano del Modulo Armonico, dove le due Matrici Galattiche, le Ali della Farfalla Cosmica, si rispecchiano. Ogni volta che torna un giorno 7 di un'Onda o che ci troviamo in un giorno Portale di Attivazione Galattica, noi stiamo fluttuando dentro questo spazio. Oggi si verificano entrambi le condizioni. Con il Novilunio ed il triangolo celeste che ho già illustrato nell'Astrobollettino di questa settimana, di cui ripropongo qui la foto, la frequenza di questa giornata di fine novembre si posiziona su una vibrazione alquanto elevata, che potrebbe causare anche senso di disorientamento che non siamo più che ancorati a terra, con il respiro aperto ed il cuore leggero.


E' tuttavia molto normale se non riusciamo a rimanere su questo stato dell'essere. Sono prove di trasmissione a cui abituarsi. Siamo molto delicati adesso e prendersela con calma nel cammino spirituale ci sta. Il Serpente Rosso che risuona al Tono Risonante oggi ci permette di sentire l'aggancio del corpo fisico, aiutandoci a percepire la densità come radice e non come pesantezza. Questa è la sfida di stare dentro il Canale con consapevolezza. Questo è il Tempo di mettere insieme, senza più separare. Il Serpente Rosso è la Kundalini, la forza tellurica che risveglia il corpo fisico ed i corpi energetici portandoci all'Illuminazione, l'unità tra basso ed alto, al di fuori dei giudizi, nel flusso della leggerezza di un corpo che si è liberato dalle zavorre pesanti della materia antica. Non lo sentite il corpo che sta cambiando? Non vi vedete più diafani e trasparenti? Rilasciamo luce, attiviamo il Corpo di Luce. Stiamo superando, andando oltre. Mai come ora la vita ci sembra separata in due tra luce ed ombra, pesantezza e leggerezza. Stiamo sperimentando ogni tipo di paradosso perché ci stiamo portando in una realtà in cui il paradosso sarà la normalità. Tutto, il contrario di tutto, pacificamente in convivenza dentro di noi. Sapete perché? Perché smettiamo di filtrare la realtà attraverso una mente codificata per creare soluzioni. Il Cuore è il filtro della realtà e nel Cuore ogni cosa può coesistere con il suo opposto.
Stefania Gyan Salila

domenica 27 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 28.11.2016 - SEME GIALLO RITMICO, KIN 84 - GIORNO 6 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU


Il Seme Giallo che risuona al Tono Ritmico rappresenta la manifestazione di un impulso. Un impulso è un battito ritmato che parte da una fonte e si diffonde intorno provocando un effetto. Il Seme Giallo racchiude in potenza le strade del Nuovo. La Tempesta Blu che guida l'energia dell'attuale corso di di 13 giorni (23.11/05.12) spazza via le illusioni affinché possiamo fare chiarezza su dove direzionare l'attenzione, su quali siano i sentieri migliori che ci permetteranno di stare comodi dentro la nostra prossima manifestazione.
La domanda è sempre la stessa: dove andare? La risposta ce la dà il corpo, con la sua intelligenza viscerale che non mente mai. Ogni volta che ci arriva la giusta domanda, ecco che la risposta ci porta sempre ad un livello più profondo e la visione si apre come un Fiore di Loto che sboccia mostrando sfumature di colore con una carica più intensa. Ricercare la giusta domanda ci ha portato dentro le situazioni fangose del passato. Tuffandoci lì per ripescare il bandolo della matassa, abbiamo attivato lo Spazio Sacro del Cuore, l'unico dove ci sia ossigeno a sufficienza per respirare nella nostra ombra senza rimanere senza respiro. Lo Spazio Sacro del Cuore è un luogo dove regna la pace, dove il ritmo è naturale, e tutto fluisce libero. Chiudendo gli occhi, con le mani morbidamente appoggiate al centro del torace, respiriamo comodamente dentro ciò che è e lasciamoci andare all'indietro sapendo che sapienti mani sosterranno il nostro atterraggio dentro l'Infinito interiore della nostra Essenza. Arrivare lì vuol dire diventare Esploratori del Sé, in libera accettazione di ciò che il Cuore contiene, al di fuori del giudizio, teneramente connessi con la Compassione che permette di essere testimoni del nostro divenire.
Il Seme Giallo Ritmico ci permette di assaggiare un panorama interiore che ricerca un benessere di fondo, stabilito in base a dove ci sentiamo più comodi, lontani da ristrettezze e costrizioni. E' proprio questo percorso che apre alla possibilità di vederci in altre modalità rispetto alle solite, di poterci inscrivere dentro pezzi di destino che normalmente non riusciremmo ad attivare.
Stefania Gyan Salila

sabato 26 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 27.11.2016 - NOTTE BLU INTONANTE, KIN 83 - GIORNO 5 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU


La Notte Blu che risuona al Tono Intonante rappresenta la Forza che possiamo acquisire immergendoci nel processo di purificazione creato dall'energia della Tempesta Blu. A livello fisico queste giornate ci stanno mettendo veramente alla prova. Non so il vostro corpo come sta reagendo, ma il mio è in pieno scarico di flussi di informazioni che fanno fatica a passare dentro di me, facendo emergere densità che si trasformano in dolore fisico. Fortunatamente, come arriva il dolore se ne va, lasciando un grande senso di sollievo e una nuova centratura. Rimanendo nel dolore con atteggiamento da spettatore, comprendo il messaggio che esso convoglia, studio i chakra interessati ed estendo il senso del disagio al mio vissuto, così ottengo le risposte necessarie e mi strutturo in modo da procedere più speditamente lungo il resto del cammino. Cerco di non soffermarmi sul sintomo, mi apro all'Intuitività, che oggi è particolarmente forte grazie alla Notte Blu, che tra l'altro è anche il mio Glifo di nascita. 
Quindi, nel primo giorno dell'Onda della Tempesta Blu (23.11) si è aperto un nuovo varco spazio-temporale di purificazione. Nel secondo giorno (24.11) il Sole Lunare ha messo in evidenza il settore su cui questa purificazione si sarebbe concentrata. Nel terzo giorno, il Drago Elettrico ci ha aiutato a radicarci per rimanere fermi in osservazione mentre la purificazione procedeva. Nel quarto giorno, il Vento Auto-Esistente ci ha sospinto verso il Cielo per elevare la radice della Terra e costruire un nesso, dentro cui far adagiare il senso di tutti gli eventi che stanno accadendo ora. Nel quinto giorno, ora, la forte Intuitività della Notte Intonante ci conduce dentro uno spazio speciale dove poter immaginare come vogliamo che la vita sia, priva dai pesi del passato, sganciata dalle conseguenze della distorsione dell'amore. Questa volontà nasce dentro quella connessione Cielo/Terra interiorizzata, la fusione della nostra parte maschile con quella femminile, perfettamente sincronica in queste giornate in cui si celebra il Femminile e appena a due passi dal prossimo Novilunio del 29 novembre, momento in cui Sole e Luna, simbolo del Padre e della Madre, si fondono insieme. Stiamo tutti un po' rinascendo, ciascuno dentro il proprio travaglio. Pensate a come è stata la vostra nascita ed otterrete tante risposte sul vostro qui e ora.
Stefania Gyan Salila

venerdì 25 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 26.11.2016 - VENTO BIANCO AUTO-ESISTENTE, KIN 82 - GIORNO 4 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU


Il Vento Bianco è il Grande Comunicatore, la Voce dello Spirito che scende ma che anche si eleva. Dal Centro all'esterno e dall'esterno al Centro. Anche questa è Dualità, ed è per questo che essa esiste, per portare il Cielo sulla Terra e la Terra in Cielo. Secondo la Storia Cosmica espressa in 7 volumi (*) da Valum Votan e la Regina Rossa (José Arguelles e Stephanie South) il nostro Sistema Solare si è trovato in quarantena per un lunghissimo ciclo di tempo conclusosi nel 2012. Ciò è accaduto nel tentativo di isolare le Guerre del Potere ad uno spazio ristretto della Galassia. Portare il Cielo sulla Terra significa risvegliarsi al vero significato del Potere, che non è manipolazione o egemonia, o possesso, ma è la Forza spontanea dell'Essere, la Passione che guida le azioni e le scelte, seguire la naturale attrazione verso tutto ciò che ci piace e ci dona piacere, vivendo sulla base della gioia. Sembra alquanto inverosimile, giusto? Guardata con gli occhi di una persona qualsiasi della nostra epoca, a prescindere dalla condizione sociale o professionale, sembra assoluta follia. Eppure la Vita di base esiste grazie a questo principio. Per questo torniamo più e più volte su questo piano, per far uscire la Coscienza Collettiva e di conseguenza planetaria, perché siamo uno con la Terra, dall'oblio, per ricordarci che noi siamo Scintille di Luce spontaneamente attratte verso tutto ciò risplende. 
L'Onda della Tempesta Blu sta facendo pulizia della confusione mentale dentro cui spesso ci ritroviamo e oggi il Vento Bianco che risuona al Tono Auto-Esistente, il quarto Tono, legato alla funzione di dare una forma all'energia, al progetto di questa Onda di risveglio, ci permette di vedere come intrinsecamente siamo guidati dallo Spirito nel procedere verso i nostri obiettivi. Ieri il Drago Rosso Elettrico ci ha radicato, ci ha messo in contatto con il Primo Chakra, la Radice. Oggi il Vento Bianco ci aiuta a portare quel raggio dentro ogni Chakra fino a raggiungere il Settimo, la Corona. Così possiamo sentirci tesi tra Terra e Cielo, posizionandoci esattamente dove dovremmo stare.
Stefania Gyan Salila     

giovedì 24 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 25.11.2016 - DRAGO ROSSO ELETTRICO, KIN 81 - GIORNO 3 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU


Il Drago Rosso che risuona al Tono Elettrico oggi trasporta il flusso di informazioni sotto forma di codici di luce che respiriamo attraverso il Prana, l'energia che pervade tutto. Questo è il terzo giorno dell'Onda della Tempesta Blu, durante il quale veniamo attivati ad un Servizio. Cos'è il Servizio? E' la risposta alla domanda: cosa sono venuto a fare qui? Ogni 13 giorni viviamo immersi in un nuovo insegnamento che possiamo sperimentare conoscendo le energie del Sincronario Galattico. Ogni nuovo insegnamento ha uno scopo preciso per noi individualmente e per la collettività come crescita. Il giorno 3 dell'Onda, che è l'insieme delle fasi di creazione dell'insegnamento affinché questo arrivi sulla Terra, descrive questo Servizio rispondendo alla domanda indicata sopra.
Il Drago Rosso dunque risponde con il suo imprinting. Il Drago Rosso è la Grande Madre, come indicato nell'illustrazione che ho scelto per oggi. Uno sfondo rosso fuoco che indica la Forza della Radice, del Collegamento con il Centro. Durante l'Onda della Tempesta è fondamentale sviluppare il radicamento per mettersi nella posizione dell'Osservatore e lasciare che si destrutturi il necessario senza immedesimarsi nel flusso emozionale. Il Drago Rosso oggi attiva il processo di radicamento per aiutarci a sentire il corpo, a stare dentro il corpo. Quando nella vita non troviamo il nostro posto, quando non viviamo nell'abbondanza, quando perdiamo l'orientamento e non riusciamo a procurarci il necessario significa che non siamo radicati. Può accadere. Accade a tanti. Forse non desideravamo incarnarci, forse alla nascita ci aspettavano tanti sogni troppo pesanti dei genitori, forse energeticamente abbiamo preso il posto di cui era andato prematuramente prima di noi. Per queste ragioni e tante altre, la Vita diventa estremamente faticosa e ogni passo, ogni respiro, lo diventa. 
Il Drago Rosso ci mette a confronto con la fatica di vivere e ci fa prendere consapevolezza di quanto siamo incarnati. Questa è la misura della paura. Meno siamo presenti dentro il corpo, maggiore sarà la paura. Come si esce da qui? Attivando il respiro nella zona del ventre, delle gambe e dei piedi. Facendo attenzione alle emozioni, ai loro colori e sfumature, ed esprimendole, magari nello spazio sacro di casa nostra. Mi hanno insegnato a ringhiare allo specchio. E' un metodo estremamente efficace per elaborare la rabbia. E fa anche ridere.
Ci sono percorsi strutturati seriamente che attivano il processo di Radicamento, che poi passa per lo spazio del Cuore, ovviamente. 
Siamo messi a confronto con lo spazio del corpo e della radice, che vanno attivati per poter stare in mezzo alla Tempesta con maggior agio possibile. Possiamo così diventare consapevoli della vera forza tellurica che ci abita, per prendere atto della parte selvaggia, legata alla natura, di cui ci siamo completamente dimenticati nella nostra civilizzazione. E' quella legata ai cinque sensi, è la guida istintiva, e l'oblio a cui l'abbiamo relegata ci rende a volte vittime di noi stessi, delle nostre paure mentali. Ora si può risvegliare, arricchendo la nostra natura di più profumi. L'Onda della Tempesta serve anche a questo, a portare morbidezza, eliminando rigidità e anchilosi cerebrali.
Stefania Gyan Salila

mercoledì 23 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 24.11.2016 - SOLE GIALLO LUNARE, KIN 80 - GIORNO 2 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU


Il Sole Giallo che risuona al Tono Lunare rappresenta una sfida molto interessante. Perché una sfida? perché si tratta del secondo giorno dell'Onda Incantata della Tempesta Blu ed il 2 è in qualche modo Separazione: l'1 si scinde e crea il 2. Il Creatore emana un raggio che crea un campo magnetico di esperienza, senza il quale l'esperienza stessa non sarebbe possibile. Questo è il servizio che ci rende la dualità. La polarizzazione è necessaria per creare un protagonista ed un antagonista che danno vita ad una storia, la nostra.
La Sfida dunque è proprio questa: rendersi conto di essere dentro un campo di apprendimento, dentro una commedia (anche se veramente densa e fitta), e vedere oltre per percepire il Centro della nostra Essenza che si trova al di là di ogni piccola identificazione. 
Ecco già che possiamo sentire gli effetti dell'Onda della Tempesta Blu che entrano in collisione con le nostre sicurezze mentali e ci mostrano una visione spaventosa: la nostra vita è una commedia! Ma allora, tutto ciò in cui crediamo, i valori, gli affetti, i punti di riferimento sacrosanti, cosa sono? Riusciamo a comprendere che essi sono qualità, strumenti di vita, modalità determinate da una scelta profonda, la stessa scelta che ci ha fatto nascere in questa nazione piuttosto che in un'altra, per esempio? Riusciamo a sentire un più ampio respiro all'interno di questa visione oppure la rifiutiamo, reagiamo in chiusura e non ci crediamo? Beh, ad un certo livello ho scoperto che la Vita va ben oltre ciò che si crede essere vero, che è il modo di guardare la vita dal punto di vista della mente. Vita è ciò che si sente. Il corpo sente, la mente scheda. Se sentiamo confusione di fronte ad uno stimolo, ci stiamo difendendo, o meglio la mente sta difendendo delle credenze fisse, con cui ci siamo identificati per darci una struttura. L'Onda della Tempesta Blu arriva per portare confusione dentro le gabbie mentali costruite sulla base di queste pietre miliari. Essa ci porta in confronto con il vero Sé, che spesso abbiamo soffocato con paure e immobilismo. Ecco, in questi giorni saremo nel movimento, siamo nel movimento. Respiriamo e lasciamo fare. Il gioco è scendere ancora più in profondità per osservare la Luce dell'Infinito che risplende pacifica dentro il nostro ombelico. Così scopriamo la Fonte esattamente dove essa è, dentro di noi. Nonostante tutto, nonostante noi, la pace può esistere.
Stefania Gyan Salila

martedì 22 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 23.11.2016 - TEMPESTA BLU MAGNETICA, KIN 79 - LA NUOVA ONDA INCANTATA DELLA RIGENERAZIONE



Dal 23 novembre al 05 dicembre 2016 navighiamo dentro i 13 giorni dell'Onda Incantata della Tempesta Blu, le cui parole chiave sono Auto-Generazione e Forza. Come ben sappiamo, la tempesta si auto-genera attraverso il vento, raccogliendo la polvere che dà forma alle nuvole, che poi si scaricano come pioggia, portando il sereno. Questo è ciò che avviene in noi quando abbiamo bisogno di scaricare le emozioni represse. Cerchiamo un pretesto per litigare, un punching ball su cui scaricare frustrazioni perché a volte non abbiamo il coraggio di affrontare i nostri veri mostri. Beh, adesso arriva il momento di fare chiarezza in questo, di mettere nero su bianco le situazioni per potersi liberare delle pesantezze e procedere al livello successivo di stato di coscienza, di ritorno all'innocenza, di pulizia profonda del Cuore.
L'energia della Tempesta Blu è catalizzatrice, stimola cioè l'emersione delle emozioni represse che impedivano l'adempimento di un processo di sviluppo. Tutto quello che definiamo come "blocco" tenderà dunque a rendersi manifesto, permettendoci così di digerirlo, guardandolo, osservandolo, integrandolo e quindi dissolvendolo da dentro o fuori di noi. 
Poiché già ci troviamo in un anno Tempesta Blu, anche se di Tono Spettrale (26.07.2016/24.07.2017),  questa attuale Onda che prende l'avvio oggi sarà particolarmente forte quale movimento di liberazione dal superfluo, intendendo con questo la paura che ha sclerotizzato negandoli tutti i movimenti dell'Anima necessari al nostro cammino sulla Terra.
Possiamo intendere questi giorni come le scosse di assestamento dei profondi cambiamenti interiori che già hanno portato un nuovo ordine nella nostra vita. E' necessario mettere ordine nel nuovo che avanza. Ora ne avremo l'occasione.
Stefania Gyan Salila

lunedì 21 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 22.11.2016 - SPECCHIO BIANCO COSMICO, KIN 78 - GIORNO 13 DELL'ONDA DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO


Finisce oggi la Sesta Onda Incantata del Modulo Armonico detto Tzolkin, la mappa dell'Universo e dell'Uomo visti sulla base della ricerca di un'armonia che dia un contesto all'intera Creazione.
Questa Onda di 13 giorni, dal 10 al 22 novembre ci ha permesso di sperimentare un contatto con ciò che per noi significa Opposto, ciò che diverso, ciò da cui ci sentiamo sfidati, ciò che ci fa fatica vivere, che vorremmo tenere lontano, evitare, non vedere. Così abbiamo dovuto fare un passo verso. Ci siamo dovuti portare in uno spazio scomodo, ma la volontà di farlo è stata forte perché sappiamo che stiamo conquistando sempre più forza e centratura. In questo percorso è naturale che dobbiamo inabissarci dentro grandi paure e territori oscuri dell'animo, e poi inerpicarci per gli scivolosi sentieri di compensazione che l'ego mette in atto per ignorare le valli fangose dell'inconscio. Nessuno dice che sia facile, prova ne è l'immensa fatica fisica che stiamo sperimentando ora. Mi sono tornati fuori dolori che non avevo più da vent'anni. Il corpo sta implodendo sotto la pressione del grande cambiamento e della frequenza nuova che allaccia gli opposti congiungendo territori interiori che si erano sempre fatti la guerra. La meditazione è una cura importante per sostenersi, stare in Natura scarica il sistema nervoso, riposarsi cercando di assumere il ritmo individuale innato è fondamentale ora. Così possiamo arrivare davanti allo Specchio Bianco che risuona al Tono Cosmico per guadagnare una visione d'insieme dove le tensioni si stemperano, lo sguardo acquisisce profondità e si attiva la Mente Superiore, quella parte intrinseca in cui incontriamo il Divino che vive in noi, collegata con il Cuore Superiore, il Luogo delle illimitate possibilità. Perché quella parte esiste. Dandole la giusta attenzione possiamo farci guidare dalle sue intuitività, i raggi dell'Oro che ci arricchiscono di saggezza. Lo Specchio Bianco Cosmico apre una prospettiva immensa, dentro cui ci immergeremo dal 23 novembre al 05 dicembre. In quei giorni surferemo l'Onda della Tempesta Blu, irrompendo dentro la nuova prospettiva che allargherà lo spazio del Cuore, alleggerendolo dai pesi del passato.
Stefania Gyan Salila

domenica 20 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 21.11.2016 - TERRA ROSSA CRISTALLO, KIN 77, PORTALE DI ATTIVAZIONE GALATTICA - GIORNO 12 DELL'ONDA DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO


La Terra Rossa è il diciassettesimo Glifo tra i 20 esistenti nella Cosmogonia Galattica Maya (per approfondimenti leggi QUI). Le sue parole chiave sono Evoluzione, termine che descrive la funzione particolare del nostro pianeta all'interno della storia della Via Lattea e della Federazione Galattica. A questo proposito la Terra viene considerata dai Galattici come una Nave del Tempo che traghetta le coscienze dal vecchio paradigma di potere manipolatorio ed egemonico a quello nuovo del potere autorevole che nasce dalla saggezza d'amore. Noi siamo l'Equipaggio di questa Nave ed il risveglio della consapevolezza è la velocità con cui la Nave del Tempo si muove lungo la traiettoria dell'Amore Incondizionato.
Ogni volta che il Kin 77, Terra Rossa Cristallo, torna, nel giorno 12 dell'Onda dell'Allacciatore dei Mondi Bianco, sperimentiamo un allineamento, un richiamo che è l'affiorare del ricordo della nostra vera Natura Stellare. Quanto ci viviamo dentro l'aspetto di Angeli di Luce che sono scesi sulla Terra per attivare una frequenza di amore rivitalizzando la Griglia Terrestre? Siamo spesso fin troppo impegnati nel quotidiano, nella sopravvivenza, nella densità di una vita che ci chiede sempre tanto, da dimenticarci di essere anche altro, fatto di etereità che obbedisce a leggi diverse da quelle lineari di terza dimensione, basate sulla rifrazione di un'eco su una fitta rete di connessioni elettromagnetiche. La parte umana parla spesso di miracoli, dove la parte angelica sa che il miracolo è normalità e la sua apparente assenza è invece mancanza d'amore. Possiamo finalmente aprirci a concepire come vero e reale il miracolo, smettendo di stupirci delle sincronicità? La Terra Rossa che risuona al Tono Cristallo rappresenta questo passaggio dentro una modalità in perfetto equilibrio tra Cielo e Terra. L'Onda dell'Allacciatore dei Mondi Bianco sta arrivando alla sua conclusione così stiamo arrivando in fondo all'Arcobaleno, proprio nel punto in cui si trova il Paiolo pieno d'oro.
Stefania Gyan Salila

sabato 19 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 20.11.2016 - GUERRIERO GIALLO SPETTRALE, KIN 76 - GIORNO 11 DELL'ONDA DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO


Il giorno 11 di un'Onda Incantata è lo spazio temporale dedicato alla Liberazione. Da cosa è necessario liberarci? Dal 10 al 22 novembre siamo dentro un flusso di creazione che ha come obiettivo la costruzione del senso di unità, sia proiettato verso il mondo esterno, aiutandoci a vedere la possibilità di integrare ciò che ci sembrava antitetico al nostro terreno interiore, sia vissuto come matrimonio alchemico tra gli opposti maschio/femmina. Questo flusso di creazione si chiama Onda Incantata dell'Allacciatore dei Mondi Bianco. Ognuno dei 13 giorni che compone questo spazio temporale possiede una precisa qualità che stimola la coscienza umana a compiere un passo dietro l'altro nel percorrere il potente sentiero dell'Integrazione di ciò che diverso, differente, separato, alieno, straniero ed estraniato. Quindi, tornando alla domanda iniziale, da cosa è necessario liberarci per portare a completamento questo processo? Il Guerriero Giallo Spettrale ci dona la risposta attraverso la sua qualità principale, che sono Coraggio e Lucidità Mentale. La risposta è: lascia andare la paura, che altro non è se non pura nebbia che ottunde la mente, illudendola di essere separata, sola, individuale. Nonostante la paura di essere respinto, ama. Nonostante la paura di soffrire, vivi. Nonostante la paura di perdere, gioca. Che ne dite di agire, decidere, amare, spingersi oltre, nonostante tutto? Ecco, la giornata di oggi ci permette di fare esercizio di espansione oltre la paura, che è sempre utile da esplorare, perché essa è un grande limite e come tale è da rispettare, quale custode a guardia di qualcosa di molto delicato. Ed è proprio il desiderio di conoscere quella delicatezza, piena di sfumature profumate della nostra essenza, che ci spinge a guardare oltre la spalla di quel custode, fino a che possiamo guardarlo negli occhi con coraggio per comunicargli che la sua funzione in questo momento non è più necessaria, perché grazie all'amore coltivato verso noi stessi, non abbiamo più paura del dolore. 
Stefania Gyan Salila 

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 19.11.2016 - AQUILA BLU PLANETARIA, KIN 75 - GIORNO 10 DELL'ONDA DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO


L'Aquila Blu che risuona al Tono Planetario porta a manifestazione il lavoro dell'Allacciatore dei Mondi: tutto si ricongiunge con tutto, troviamo un punto d'incontro tra i nostri conflitti, tra le parti in disaccordo. Volendolo tradurre in linguaggio astrologico, questo è il momento in cui le Quadrature tra i pianeti smettono di farci combattere contro noi stessi e si rivelano per ciò che veramente sono, delle opportunità di salire di livello nello stato di coscienza, arrivando ad una sorta di illuminazione, di chiarezza interiore, di senso di benessere. Ciò che era un problema viene visto come un sintomo di un disagio sottostante, e viene letto come un segnale per attivare un cambiamento.
L'Aquila Blu possiede una qualità molto bella, che è quella della lungimiranza. Stiamo lavorando oggi per sistemare le tracce su cui si appoggeranno i flussi che stanno andando a creare il futuro e lo facciamo prendendo la trama e l'ordito del passato per tessere un disegno nuovo, che abbia maglie larghe che lascino traspirare il corpo fisico, che così può attraverso il respiro attivare la propria Geometria Sacra, rendendo possibile e concreta la manifestazione della missione di vita, qualunque essa sia.
Quando l'Aquila Blu risuona al Tono Planetario come oggi all'interno dell'Onda dell'Allacciatore dei Mondi, essa allarga la sua visuale ad abbracciare tutti i piani dell'essere, dal materico denso al sottile luminoso, e ricongiunge gli opposti tra sopra e sotto e destra e sinistra, a dare forma ad un centro, che è cuore, che è nucleo, che è forza e coesione. Sentiamoci Uno, respiriamo nel senso di integrità, e se anche il senso di vuoto in qualche modo persiste, lasciamoci andare dentro sapendo che non smarriremo più direzione, perché se siamo un centro non esiste più direzione. Tutto è già lì, nel presente eterno del respiro.
Stefania Gyan Salila

giovedì 17 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 18.11.2016 - MAGO BIANCO SOLARE, KIN 74 - GIORNO 9 DELL'ONDA DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO


Il Mago Bianco che risuona al Tono Solare è il flusso del mentale creativo che, nutrito dalla volontà di portare unità e completamento nei vari settori della nostra vita, comincia a creare realtà in cui ci sia possibile compiere gesti gentili di accoglienza e amorevolezza, rivolti a noi stessi e agli altri. E' una gentilezza che nasce dalla preghiera come atteggiamento di gratitudine verso le cose più piccole e semplici. La gratitudine stimola il sorriso ed il sorriso, quando lo indossiamo per strada è contagioso e si sparge ovunque, piegando anche i cuori più induriti. Il sorriso è foriero della frequenza elevata del Cuore, ci aiuta a mantenere alta la vibrazione interiore e di questa vibrazione diventa araldo e manifestazione.
Il sorriso va esercitato e allenato. Corrisponde ad una grande apertura nel centro dell'Essenza, lì dove parte il respiro, e non necessita di situazione esterne "positive" per nascere. Chiaro che qualora ci fossero, il gioco diventa più semplice, ma è possibile sorridere anche con amorevolezza e compassione ed empatia davanti a situazioni più dense. E' un allenamento al sorriso interiore, che è un insegnamento taoista, un invito a ringraziare ogni organo del corpo per tutto il lavoro che svolge per noi in ogni momento. Il sorriso diventa così una filosofia di vita da cui parte un atteggiamento mentale di grande creatività perché non si vedono i confini, non ci si pongono limiti in quanto il sorriso piega gli ostacoli e rende vane le resistenze dell'ego, che si sciolgono di fronte alla sensazione che non ci sono pericoli e tutto va bene.
Il Mago Bianco Solare si espande come flusso di energia grazie all'intenzione di rendere concreta una realtà quasi sconosciuta, la pace interiore, uno stato in cui non abbiamo più bisogno di vivere il conflitto o la figura del nemico. Attraversando il Vuoto ci siamo resi conto che stiamo imparando a nuotarci dentro, così espandiamo la volontà di creare infinitamente il riverbero del Cuore.
Stefania Gyan Salila

mercoledì 16 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 17.11.2016 - VIANDANTE DEI CIELI ROSSO GALATTICO, KIN 73 - GIORNO 8 DELL'ONDA DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO


Il Viandante dei Cieli Galattico è un bel flusso di energia che ci viene in aiuto sostenendoci dentro questi giorni di grande apertura di coscienza. Il Viandante dei Cieli rappresenta il Glifo analogo dell'Allacciatore dei Mondi, cioè un'energia di nutrimento. E' facile sentirsi sballottati tra stati d'animo opposti durante queste giornate perché se vogliamo imparare a portare dentro i conflitti (il proposito di questi 13 giorni, dal 10 al 22 novembre),  è chiaro che quei conflitti dobbiamo viverli per sentirli e farne esperienza in modo quanto più distaccato possibile. Così a volte possiamo anche aver toccato punte di disperazione, anche se attenuate rispetto al passato. Oggi si riaccende una luce, che è la forza interiore che nasce dal sapere che ciò che stiamo affrontando è giusto per portare guarigione in noi, in ciò che di noi non ci piace. E ci accorgiamo che, nonostante tutto, nonostante il ben sperimentato senso di precarietà, dentro sta sorgendo una grande pace. Probabilmente ci stiamo posizionando in un punto molto importante del nostro individuale percorso di crescita, quel punto di respiro oltre la rabbia. Mi sto accorgendo ultimamente di quanto adesso sia importante focalizzarsi sulle proprie risorse. Abbiamo pianto tanto sulle ferite, aspettato risposte, cercato un allineamento. Qualunque sia lo stato di coscienza a cui siamo approdati, è perfetto per noi ora e questo è il momento di integrare questa consapevolezza. Stiamo toccando un nuovo traguardo ed il Viandante dei Cieli Rosso che risuona al Tono Galattico diventa una conferma di quanto la Vita sia uno specchio di ciò che è l'interiorità, così come viene illustrato dalla figura che ho scelto per l'Oracolo di oggi. Lo Yantra alla base della figura emana una certa vibrazione che condensandosi diventa un certo tipo di umano, che a sua volta emanerà una data frequenza che creerà determinate esperienze. Fare pace dentro di noi significa quindi fare pace con ciò che stiamo vivendo, visto che questo è il frutto di ciò che abbiamo creato per noi stessi. La consapevolezza serve a diventare padroni della propria esistenza, evitando così che sia l'inconscio a guidare la nostra creazione. Un bel respiro per assimilare l'energia potente del Viandante dei Cieli ed integrarla dentro la nostra griglia magnetica. Così ci prepariamo per questa nuova esperienza.
Stefania Gyan Salila

LUNA INTONANTE DEL PAVONE - LA QUINTA LUNA DELL'ANNO DELLA TEMPESTA BLU SPETTRALE - LA LUNA DELLA RADIANZA


Dal 15 novembre al 12 dicembre navighiamo dentro la Luna della Radianza, la quinta Luna di questo anno della Tempesta Blu Spettrale. Il conto delle Lune inizia sempre il 26 luglio di un anno solare e termina il 24 luglio dell'anno successivo, quando la Luna ha compiuto per 13 volte la sua orbita  di 28 giorni intorno alla Terra (13 x 28 = 364). Il 25 luglio è il Giorno Fuori dal Tempo, dedicato al lasciar andare per accogliere qualcosa di nuovo, così da pareggiare il conto tra i 365 giorni della Rivoluzione Terrestre intorno al Sole ed le orbite lunari intorno alla Terra. Ecco perché il Calendario Maya Galattico si chiama Sincronario. Ci si sincronizza con i movimenti orbitali dei pianeti. Per approfondimenti potete leggere qui.
La Quinta Luna si chiama della Radianza perché risuona al Tono Intonante, il quinto Tono tra i 13, e corrisponde alla Forza che si acquisisce quando ci si risveglia all'esistenza del proprio potere personale. 

ONDA INCANTATA DEL SERVIZIO PLANETARIO
LE 13 LUNE GALATTICHE
CORTESIA DI lawoftime.org

Non confondiamo la potere con manipolazione o prevaricazione. Per potere in questo contesto si intende la consapevolezza di sé, grazie alla quale non ci facciamo spostare da nessuno rispetto ad una posizione acquisita e respiriamo sereni dentro ciò che è. Durante questi prossimi 28 giorni possiamo sperimentare questo tipo di Forza. 
La Quinta Luna ha inizio nel sesto giorno dell'Onda dell'Allacciatore dei Mondi, che ci sta insegnando a portare senso di unità che cura e lenisce il dolore e ci permette di sentirci integri, stato da cui deriva una enorme forza. Nel nono giorno di questa Luna, il 23 novembre, inizia l'Onda della Tempesta Blu, che sarà molto potente come ciclo di Purificazione, visto che siamo in un anno Tempesta Blu. Infine, nel 22° giorno della Luna inizia l'Onda dell'Umano Giallo, durante la quale porteremo dentro il corpo tutti i cambiamenti apportati nei 13 giorni precedenti, integrandoli.
La Luna della Radianza diventa un momento di grande acquisizione, di collegamento forte con la Radice terrestre, grazie al quale possiamo poi permetterci di elevarci.
Un nuovo viaggio potente dentro di noi in risonanza con il Cosmo, di cui siamo portatori e immagine olografica.
Stefania Gyan Salila

martedì 15 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 16.11.2016 - UMANO GIALLO RISONANTE, KIN 72, PORTALE DI ATTIVAZIONE GALATTICA - GIORNO 7 DELL'ONDA DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO


Nel proseguire all'interno del Viaggio alla scoperta del senso di Unità, ci stiamo accorgendo di come tutto sia il riflesso di qualcosa di molto più grande di noi. Ogni singolo evento che accade, ogni spinta impressa alla materia per darle una data forma è guidata da un'Intelligenza Superiore. Questo viene detto da sempre dalle Menti Eccelse. Ora lo stiamo vedendo accadere. Tutta l'antica Saggezza che abbiamo appreso dai libri la vediamo prendere forma dentro i nostri giorni. E' un fluire avanti verso un obiettivo faticosamente individuabile, forse diametralmente opposto a quello che avevamo programmato, per il semplice fatto che la nostra mente adesso non riesce ancora ad afferrare le potenzialità che si stanno creando per noi ora. Il progetto di nuova vita che stiamo mettendo in piedi dal 2012 ad oggi aveva lo scopo di portare a manifestazione il talento, la costruzione di un lavoro frutto di una passione profonda. Adesso noi non contiamo più. L'obiettivo ha acquisito una vita propria e sta procedendo nonostante noi. Siamo trascinati dentro una manifestazione che l'Anima ci richiede quale missione di vita. Il corpo sta cercando di fare del suo meglio per seguire. La mente si sta ribellando in pieno. E noi non ci stiamo capendo più niente. Questo è lo stato confusionale di cui a nostro modo stiamo risentendo. Non importa. Nulla importa. Possiamo sempre e comunque imparare a respirare rimanendo al centro della corrente. Siamo in missione per conto della nostra Divinità interiore. Questo sì che è un arrendersi. L'Umano Giallo che risuona al Tono Risonante è un grande insegnamento rispetto alla sincronizzazione ed al processo di allineamento con la Volontà del Sé Superiore. Noi stiamo in ascolto e lasciamo che sia, contemporaneamente costruendo confini malleabili e morbidi, che siano però sempre confini, a difendere un senso di identità in costante espansione.
Stefania Gyan Salila

lunedì 14 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 15.11.2016 - SCIMMIA BLU RITMICA, KIN 71 - GIORNO 6 DELL'ONDA INCANTATA DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO



La Scimmia Blu che risuona al Tono Ritmico rappresenta il punto di equilibrio dell'Onda, tra lo stato di coscienza a cui risuonavamo all'inizio del Viaggio all'interno di questo nuovo insegnamento che ci porta verso lo sviluppo di un profondo senso di unità con il Cosmo, e ciò che andremo a sperimentare da qui in avanti, quando ci ritroveremo davanti allo Specchio Cosmico, diventando Riflesso di ciò che non ha mai Fine.



L'Onda dell'Allacciatore dei Mondi ha un intento molto elevato, che va oltre le identificazioni con la vita quotidiana e l'intensità di questi giorni si fa sentire tutta! Essa ci sta portando sempre più in profondità, a percepire le energie della giornata come se fossero correnti visibili. Il corpo stesso sta diventando sempre più sensibile ai flussi dentro cui siamo immersi. Veniamo presi ad uno ad uno e ci viene insegnato un nuovo alfabeto, un linguaggio sottile attraverso cui fare esperienza e dare un nome a ciò che finora potevamo intuire, ma non era ancora chiaro. Soprattutto la Mente si apre ad ammettere anche l'esistenza di situazioni non catalogabili con i soliti paradigmi razionali. Gli schemi stanno cambiando dalla base ed è un fenomeno irreversibile. La Scimmia Blu Ritmica è un punto importante in cui trovare un equilibrio tra Realtà e Sogno, tra densità e luce, tra quotidiano pesante ed energia fluida. Poiché stiamo imparando a fare esperienza del senso dell'Unità interiore ed esterna, situazione alquanto sconosciuta per molti di noi, questo momento della Scimmia Ritmica diventa l'occasione per entrare dentro una visione paradossale eppure vera e reale usando gli strumenti di questo Glifo: gioco, magia, velocità di reazione. Cosa vogliamo credere che sia vero? A cosa vogliamo dare credito? Giocare con la realtà apparente ed il contenuto energetico nascosto dietro agli eventi può essere molto interessante, forse un po' destabilizzante, ma sicuramente è un'osservazione che può espandere tanto la coscienza, per raggiungere lo stato ottimale offerto dall'Allacciatore dei Mondi, colui che costruisce ponti arcobaleno tra le dimensioni. 
Stefania Gyan Salila

domenica 13 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 14.11.2016 - CANE BIANCO INTONANTE, KIN 70 - GIORNO 5 DELL'ONDA DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO CON PLENILUNIO IN TORO


L'energia del Cane Bianco oggi si incrocia con il Plenilunio in Toro, l'Archetipo del Femminile accudente, dove il Cane Bianco è amore e cura. Siamo arrivati nel quinto giorno dell'Onda dell'Allacciatore dei Mondi, chiamato la Prima Torre del Potere, momento di presa di coscienza della Forza che possiamo emanare una volta che abbiamo chiaro un proposito interiore che diventa obiettivo di crescita e sviluppo.


Poiché stiamo imparando a essere accudenti, compassionevoli, in accettazione, così da allargare lo spazio per accogliere tutte le nostre manifestazioni, senza giudizio, né aspettative particolari, ma in un senso profondo di voler fare pace con noi stessi, ecco che la Forza che nasce da questo processo ha un solo unico nome: AMORE, nella sua espansione di sollievo ritrovato nell'apertura del cuore nel sentire che il senso di nostalgia che ci ha guidato inesorabile per lunghissimo tempo può finalmente estinguersi.
L'Allacciatore dei Mondi ci offre un grande abbraccio di calore nel suo giorno della Forza, il Tono Intonante, quando la Luna nella fase piena in Toro stimola la sensibilità e la cura del nostro lato femminile. Questo è un momento di resa alla dolcezza durante il percorso di ricerca della verità, dentro quelle profondità il cui ingresso è stato spalancato dalla Luna Rossa Auto-Esistente ieri. Il Cane Bianco che risuona al Tono Intonante è la voglia di perdersi dentro le pieghe della gioia di vivere del Bambino Interiore, sapendo che dovunque cadremo, l'arrivo sarà morbido, come quando Alice cade dentro la Tana del Bianconiglio. 
Stefania Gyan Salila
  

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 13.11.2016 - LUNA ROSSA AUTO-ESISTENTE, KIN 69, PORTALE DI ATTIVAZIONE GALATTICA - GIORNO 4 DELL'ONDA DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI



La Luna Rossa Auto-Esistente costruisce uno spazio in cui poter elaborare i contenuti emozionali più densi che ci tengono chiusi dentro un senso di isolata sofferenza. L'Onda dell'Allacciatore dei Mondi insegna a costruire ponti tra i conflitti interiori, tra la difficoltà di sentirci fragili e il desiderio di essere sempre sul pezzo, presenti e prestanti. In questo contesto la Luna Rossa Auto-Esistente rappresenta un'occasione per prendere atto di quella morbidezza negata per piangerci sopra, per piangere le lacrime che in precedenza avevamo represso. Avevamo talmente paura di soffrire che ci siamo auto-negati, auto-sabotati, portandoci dentro una zona confort di anestesia totale dei sentimenti e delle emozioni. Nel corso del cammino evolutivo è necessario però passare dentro queste bolle di dolore congelato per sciogliere via il ghiaccio affinché la Luce della frequenza d'amore possa circolare libera. Onda Incantata dopo Onda Incantata, l'energia dello Tzolkin ci permette di contattare la Verità interiore. E cosa può mai essere questa Verità se non lo specchio di uno sguardo innamorato di ciò che vede davanti a sé? E come possiamo innamorarci di noi stessi se non accettando il buio degli angoli dimenticati, dove risiedono quelle parti di noi scomode ed alienate? Avete mai sognato i vostri sé negati? Avete mai visto riflesse al di fuori di voi quelle fragilità da cui si cerca di stare lontano come dalla peste? Negli occhi di un animale abbandonato, nel lamento di un neonato, nello smarrimento di un anziano? Sono giornate pesanti, queste che stiamo attraversando ora. Pesanti perché sono dense e sono dense perché offrono uno spazio di radicamento, una pista di atterraggio per un cuore che vuole trovare pace nell'accettazione di quello che è. Il radicamento non può essere che pesante, fa parte della sua essenza. Poi, nel sollievo di ammettere di essere anche sbagliati, possiamo trovare la leggerezza d'animo. Questa Onda si sta accompagnando ad uno dei transiti astrologici più impegnativi di questa fine 2016, una cospicua presenza planetaria nella profondità inconscia del segno dello Scorpione. La fine dell'Onda, il 22 novembre, segna anche la fine di questo transito. Intanto però approfittiamo per riprendere la forza del primo respiro di questa vita, perché è lì che i fili dorati del cammino ci stanno portando. A confrontarci con il primo sì all'esistenza che avremmo dovuto dire venendo al mondo.
Stefania Gyan Salila

venerdì 11 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 12.11.2016 - STELLA GIALLA ELETTRICA, KIN 68 - GIORNO 3 DELL'ONDA DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO



La Stella Gialla che risuona al Tono Elettrico rappresenta l'attivazione dello strumento dell'immaginazione creativa che serve a ricreare prima dentro di noi per poi portarli fuori quei riferimenti che mantengono alta la vibrazione dell'Essere. Raggiungere uno stato di benessere è molto importante perché questo ci aiuta a rimanere sempre più a lungo dentro una frequenza di luce quanto più elevata possibile, così da emanare Amore, il flusso che impatta sulla rete luminosa della realtà dando forma all'esperienza. Per ricevere Amore è importante sapere quale sia la vibrazione che ci porta quanto più vicino possibile a quello stato. Può essere una musica, un panorama, anche una persona. Tuttavia è altrettanto importante non scambiare l'attivatore con il flusso stesso, per non indulgere nella credenza che possiamo essere felici SOLO grazie a quella data persona. A volte gli incontri servono per farci aprire gli occhi sulla potenza che abbiamo di amare, su quanto sia forte la nostra apertura nel darci all'altro, dandoci contemporaneamente anche a noi stessi. Quando decidiamo di amare, quando cediamo al coraggio di superare la paura di soffrire, ci stiamo dando l'opportunità di vivere la vibrazione dell'Amore, immagazzinando dentro le nostre cellule la memoria di quella meravigliosa frequenza, così da poterla ricontattare anche quando quel tipo di amore avrà cambiato la sua natura e la strada che avevamo incrociato con quella data creatura avrà preso un'altra direzione rispetto alla nostra. 
La Stella Gialla Elettrica contiene in potenza la manifestazione dell'Armonia attraverso la ricerca della Bellezza. Il terzo giorno dell'Onda dell'Allacciatore dei Mondi ci viene mostrato dove poter costruire i pilastri che sosterranno il Ponte dell'Unità Interiore. Qual è il conflitto che abbiamo necessità di portare a rappacificazione? Questi 13 giorni, dal 10 al 22 novembre sono uno spazio dedicato a questo tipo di guarigione. Ovviamente ci sono richiesti coraggio, respiro e spirito di osservazione. La strada è aperta. A ciascuno di noi la volontà di percorrerla fino in fondo.
Stefania Gyan Salila 

giovedì 10 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 11.11.2016 - MANO BLU LUNARE, KIN 67 - GIORNO 2 DELL'ONDA DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO


La Mano Blu che risuona al Tono Lunare porta con sé l'opportunità di vedere la Guarigione anche dove apparentemente non sembrerebbe esserci. Durante l'Onda dell'Allacciatore dei Mondi siamo stimolati a cercare un senso di unità tra gli opposti per mettere pace ai conflitti interiori. Non possiamo proseguire nel cammino evolutivo se prima non abbiamo almeno preso in considerazione il nemico interiore. Il malessere percepito adesso, la pesantezza sul cuore, la debolezza che ci assale sono solo sintomi scatenati dal confronto con l'Ombra interiore. Non acceleriamo il processo. Siamo in un momento di grande delicatezza. Accudiamoci, nutriamo il Cuore con il Colore, con l'immaginazione, per chi usa Aura-Soma ho suggerito alcuni prodotti nel post di due giorni fa (leggi qui). Oggi aggiungo un altro consiglio. Oltre al Verde per nutrire e pulire e sostenere il Cuore, ci può fare molto bene il Raggio del Rosa, che in linguaggio Aura-Soma rappresenta l'invito ad amare ciò che non ci piace di noi stessi. Dovendo affrontare l'Ombra, il Pomander Pink ci permette di non giudicarci troppo, di essere compassionevoli verso noi stessi. 


Nel corso degli ultimi 13 giorni, dal 5 al 9 novembre, abbiamo potuto esplorare l'immensità di ciò che ci abita dentro, le profonde asperità dell'inconscio. Grazie a questo viaggio abbiamo acquisito una nuova forza, che ora possiamo usare quale base per darci la possibilità di vedere strati della nostra Essenza a cui prima non riuscivamo ad accedere. Il Respiro si allarga, diventa più comodo. Sentiamo di poter sopportare una maggiore quantità di Luce senza soccombere. Il sistema nervoso regge di più. Ascoltandosi bene, possiamo percepire che il Processo Alchemico portato dal Sole in Scorpione (fino al 22 novembre, esattamente quando finisce questa Onda) sta creando un Distillato dentro di noi, frutto della potente elaborazione emozionale a cui ci siamo sottoposti. Il lavoro interiore che abbiamo accettato di intraprendere è una dichiarazione d'amore incondizionato verso noi stessi. Il Sé Superiore ci sta guidando dentro il viaggio verso la Luce. A volte rimaniamo bloccati dentro grotte cieche dove risiedono i ricordi più invalidanti e perdiamo la capacità di vedere oltre. Però poi l'esistenza ci dà uno scossone più o meno forte a seconda di quanto facciamo resistenza e possiamo riprendere il cammino un po' doloranti ma più leggeri.
Oggi il Sole e Lilith, la Luna Nera, si abbracciano nel caldo umido del Processo di Fecondazione della Cellula Madre della Vita (leggi qui per approfondimenti). Tutto sta per rinascere. Si sente!
Stefania Gyan Salila

mercoledì 9 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 10.11.2016 - ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO MAGNETICO, KIN 66 - INIZIA L'ONDA INCANTATA DEL PONTE ARCOBALENO


Dal 10 al 22 novembre proseguiamo la Navigazione dell'attuale ciclo del Modulo Armonico Tzolkin in compagnia di una creatura molto particolare, l'Allacciatore dei Mondi Bianco che risuona al Tono Magnetico, che dà forma ad un'Onda Incantata il cui insegnamento principale è quello di mostrare come sia possibile costruire Ponti Arcobaleno che ci aiutino a superare i gap interiori, i vuoti, il senso di mancanza e l'assenza.
E' lo spazio temporale in cui portare unità tra gli opposti (non per niente l'11.11 e la congiunzione Sole-Lilith in Scorpione avviene qui - leggi qui per approfondire!), dove due metà della stessa Fiamma che non sanno di essere tali, se non per una mai sopita irrequietezza, cominciano a rendersi conto di essere attratti irresistibilmente una verso l'altra, come tante volte è accaduto invano. E nonostante il dolore di doversi fidare ancora una volta senza le rassicurazioni che tutto andrà bene ed il tradimento non avverrà di nuovo, si lanciano dentro l'unica vera avventura per cui tutti noi nasciamo: amare ed essere amati, a prescindere. Tutto nella vita gira intorno a questo momento in cui decidiamo di arrenderci al flusso della Vita. Tanti eventi sono disegnati intorno al nostro campo energetico per farci arrivare a quel punto preciso.
Così si vince la paura. Non c'è nessuna altra cura per uscire dal senso di incertezza e di fragilità, dal peso dell'esistenza, dalla ricerca di un centro che sia quanto più stabile possibile. Amare come forza incontenibile che apre il cuore, il Quarto Chakra, che espande il raggio dello Smeraldo da dentro a fuori, da fuori a dentro. Amare come unica azione possibile quando tutto intorno cambia, mutando forma e contenuto. Amare il Flusso che segue la sua via naturale di sviluppo di nascita, crescita, trasformazione e decadimento. Amare il Senso Profondo del Divenire. Noi piccole cellule della Luce Infinita che Tutto E', nella piena accettazione di essere tali.
Stefania Gyan Salila


martedì 8 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 09.11.2016 - SERPENTE ROSSO COSMICO, KIN 65 - GIORNO 13 DELL'ONDA DEL VIANDANTE DEI CIELI ROSSO


Si conclude con l'energia del Serpente Rosso che risuona al Tono Cosmico il ciclo di 13 giorni del Viandante dei Cieli Rosso dedicato all'esplorazione dell'Ignoto. La sensazione, arrivati qua, è di essere in totale stato di osservazione, nel più profondo silenzio, accucciati dentro spazi interiori mai raggiunti prima. Soprattutto non vorremmo uscircene da qua, anche perché fuori non c'è più nulla di nuovo. Tutto già noto, già sperimentato. Il fatto è che il Serpente Rosso ha un tipo di vibrazione che ci tiene ancora di più fermi perché stiamo letteralmente cambiando pelle e non possiamo lasciare il processo a metà. Accettiamo dunque la stasi, guardando il mondo dalla finestra. Il Nuovo sta spuntando da un luogo segreto dentro le pieghe di quelli che sono sempre stati i nostri antichi dolori. Dobbiamo dare tempo ad ogni parte di noi di volersi muovere oltre, perché il quadro sia completo. Il Respiro è quanto mai necessario per aprire lo spazio del Cuore e trovare un maggiore agio nell'affrontare questi giorni. Per chi vuole, è consigliato l'uso del Pomander Green di Aura-Soma, o lo Spray per Ambiente Green, che sono balsamici ed amplificano il senso di spazio interiore ed esterno. Meglio ancora le Quintessenze dei Maestri Hilarion e Djwal Khul, la Ricerca della Verità ed il Ricercatore, che ci aiutano a trovare un senso molto più vasto alle nostre azioni. Infine consiglio anche la Quintessenza Holy Grail-Logos Solare, per ripulire la pesantezza del passato dall'aura e respirare più liberi.





Domani entriamo nel meraviglioso iperspazio dell'Allacciare dei Mondi Bianco ed il Vuoto creato da ciò che è stato eliminato viene riempito, gli orli delle ferite che si sono riaperte nel rivedere ricordi brucianti vengono ricuciti. Ricompattiamo ciò che ha dovuto essere aperto per agevolare l'operazione di pulizia. Oggi dunque finiamo di essere coccolati ed accuditi dal Serpente Rosso. Esso è l'Iniziato nella Cosmogonia Galattica, rappresenta uno stato dell'essere risvegliato, perché ha radicato dentro le cellule la Luce più sopraffina. Tutto quello che è accaduto in questi ultimi 13 giorni ha permesso questo tipo di integrazione. Il corpo è stato lavorato dalle energie a livello emozionale, molto in profondità. Grazie a ciò siamo molto più centrati. Possiamo andare ad unire ciò che ancora sembra separato.
Stefania Gyan Salila

lunedì 7 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 08.11.2016 - SEME GIALLO CRISTALLO, KIN 64, PORTALE DI ATTIVAZIONE GALATTICA - GIORNO 12 DELL'ONDA DEL VIANDANTE DEI CIELI ROSSO


Il Seme Giallo che risuona al Tono Cristallo rappresenta ciascuno di noi in questo momento, perso davanti al baratro del Sé, pronto a fare un salto che ci porta non si sa neanche dove, che condivide  il proprio senso di smarrimento con un altro essere, a sua volta perso. Unendo insieme la storia, le perplessità, il senso di solitudine che deriva dallo stare in osservazione della propria condizione umana, si scopre di non essere mai stati veramente soli. Già il fatto stesso di porsi domande tanto intense implica che la sensibilità interiore da cui il dubbio è partito è estremamente vasta e profonda. Questo ci dona un senso di dignità grande, grazie al quale possiamo anche cominciare a credere di essere qui con una missione specifica. Sentire che senza di noi il mondo non sarebbe lo stesso. Così scopriamo la nostra unicità. Allargando lo sguardo, vediamo che ci sono intorno tanti altri noi, esseri luminosi con la stessa sete di ricerca negli occhi. Esseri altrettanto unici, che si sono sentiti disperatamente soli tanto quanto noi. Allora possiamo comprendere quanto possa essere importante unire le singole unicità per creare un'unità coesa di luce, che da un puntino diventa un faro. Uniti nel trasmettere la stessa scintilla di luce che diventa forte sorgente che risveglia e attiva, richiamando anche altre coscienze a mettersi sul cammino.
Il Seme Giallo Cristallo ci aiuta a riconoscere intuitivamente chi come noi sta nel cammino ed ha forse smarrito la strada, rimanendo solo, triste e spaventato. Alla conclusione di questa Onda Incantata arriviamo provati perché abbiamo sperimentato tante vicende più o meno pesanti, che hanno aperto varchi di esperienza posizionati sulle ferite più profonde. Se ci manca il fiato, non c'è da stupircene. Ma siamo anche diventati più forti, una nuova qualità di forza, delicata, attenta, accogliente. Essa sta facendo spazio a qualcosa che si risveglia in noi dopo eoni di sonno. Non possiamo che rimanere in attesa, osservando, in silenzio.
Stefania Gyan Salila

domenica 6 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 07.11.2016 - NOTTE BLU SPETTRALE, KIN 63 - GIORNO 11 DELL'ONDA DEL VIANDANTE DEI CIELI ROSSO


La Notte Blu che risuona al Tono Spettrale rappresenta un altro passo interessante da fare nel percorso iniziato lo scorso 28 ottobre e che si concluderà il 09 novembre. Così come è stato messo a fuoco il forte senso di precarietà dentro cui ci stiamo tutti muovendo, il paradosso è sentircisi a casa quale base per dare vita a qualcosa di nuovo che ancora non si è visto qui sulla Terra. Può sembrare assolutamente incredibile, insensato, totalmente al di fuori di qualunque logica, eppure dentro di noi sta prendendo corpo una visione che ce lo conferma, al di là di ogni analisi, che ci stiamo lasciando alle spalle un intero mondo che ormai non esiste più. Proprio mentre scrivo sto sentendo questo processo così nel profondo come non mi era mai successo prima. E' come uscire da una struttura gommosa, catramosa, i cui filamenti oscuri indugiano ancora in alcuni punti della coscienza dove permane la paura. Il richiamo del Nuovo e della Luce è forte perché è l'attrazione magnetica che il Sole, quale Centro di emanazione della Matrice di Vita, esercita sulle nostre cellule, come simile che chiama simile, perché noi interiormente siamo una riproduzione dei grandi Sistemi che esistono fuori.
Cosa va ad aggiungere a questo panorama la Notte Blu Spettrale? Intanto il sentirsi leggermente più comodi dentro un terreno insidioso che questo processo di grande trasformazione ed integrazione ci fa ovviamente attraversare. E quando ci sentiamo meglio anche al buio, si attivano i sensi del Cuore, per cui ci rivolgiamo alla profondità da cui estrapoliamo le verità che finalmente riusciamo a percepire. E' da lì che si costruisce il nuovo mondo, nell'aderire a questo disegno che diventa ogni giorno più chiaro nonostante tutto, anche se per ammettere la sua importanza dobbiamo superare limiti che da sempre erano considerati invalicabili. Superare valichi è ormai imprescindibile, sapendo che essi sono nati quali protezione di cui ora non abbiamo più bisogno. Nel momento in cui si attiva la Forza del Cuore, nasce la Radice profonda tra Terra e Cielo. Questa è la vera protezione di cui ci possiamo avvalere ora. 
Stefania Gyan Salila

sabato 5 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 06.11.2016 - VENTO BIANCO PLANETARIO, KIN 62 - GIORNO 10 DELL'ONDA DEL VIANDANTE DEI CIELI


Mentre ci spostiamo dentro questa Onda del Viandante dei Cieli, ciò che emerge sempre più è questo intrinseco senso di precarietà, che diventa costantemente presente, come se dovesse andare a sostituire lo stato di coscienza su cui siamo stati finora sintonizzati. La sensazione è di essere arrivati sulla cima di una collina con un certo tipo di strumenti che ci hanno aiutato a risvegliarci dal profondo sonno ipnotico. Approdati in questo nuovo stato dell'essere, ci siamo sentiti sicuri, nel giusto, in qualche modo illuminati e comodi. Poi abbiamo scoperto che si stava trattando di uno stato (ovviamente) intermedio. La scossa che stiamo ricevendo mina tutta la nostra essenza alla radice. Sradicamento è la parola chiave, che è quello che il terremoto sta lasciando uscire. Quindi cosa sta avvenendo? L'Essere che è stato risvegliato si sta portando sempre più lontano dalle identificazioni in cui ci siamo riconosciuti finora, quelle che pensavamo fossimo noi durante tutti i nostri anni di ricerca. Adesso comincia la vera danza, quel movimento che corrisponde alla matrice di manifestazione della nostra Essenza di Luce. Ora si tratta di avere il coraggio di compiere il primo passo. Perché ci stiamo muovendo sul Vuoto. L'ego è spaventato perché non riesce a vedere in quel vuoto. Per l'ego esso è assenza. Ma se ci permettiamo di scansare la paura che deriva da quell'assenza, dal senso di incertezza, vedremo come quel Vuoto deve essere tale perché rappresenta la struttura energetica del Nuovo, la base da cui partire quali co-creatori consapevoli della nostra vita, pensando gli eventi, gli obiettivi, gli incontri, momento per momento. 
Ci stiamo muovendo su un terreno in cui l'umano normalmente si sente perso. Ma è questa la strada verso il Nuovo, quella che porta alla Luce, la Via della Leggerezza del Cuore. Ogni attimo sintonizzati sulla frequenza d'Amore, questo è il nuovo senso di sicurezza, mettendo insieme immagine dopo immagine, nota dopo nota, qualsiasi linea energetica che ci mantenga là in alto, nel punto più azzurro della nostra Essenza, la stessa sfumatura del Cielo riprodotta dentro il nostro Terzo Occhio, che diventa la ricetrasmittente del Divino.
Stefania Gyan Salila

venerdì 4 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 05.11.2016 - DRAGO ROSSO SOLARE, KIN 61 - GIORNO 9 DELL'ONDA DEL VIANDANTE DEI CIELI


Il Drago Rosso che risuona al Tono Solare trasporta l'attivazione di un'intenzione potente, quella di risvegliare l'Essenza, oltre il mondo emozionale umano, che in questo momento viene così tanto messo alla prova. Se il Viandante dei Cieli durante la sua Onda ci stimola a sfondare barriere, superare limiti e ad andare sempre un passo più avanti rispetto a prima, questo procedere mette a dura prova il corpo emozionale, che si sente sfidato a lasciar andare memorie ataviche legate al pericolo di affrontare lo sconosciuto. Viene così chiamata in causa la regina di tutte le emozioni negative, la Paura, così maestosamente diffusa nel collettivo mentale umano, trappola e gabbia per milioni di persone. Proviamo come primo movimento a non demonizzarla, osservandola. Che cosa accade? Provando paura, viene innescato un allarme che porta all'immobilismo o alla fuga. Quindi in un modo o nell'altro impediamo a noi stessi di portarci verso un dato obiettivo. Perfetto. Cosa si apre dopo? Chiudendosi una porta, cosa si attiva? L'energia che è stata deviata da un dato obiettivo a causa della paura, cosa attiva adesso? Respiriamo e continuiamo l'esplorazione di un terreno che raramente ci prendiamo il tempo di analizzare nelle sue sfumature. Lasciamo che il flusso faccia il suo corso e notiamo la differenza da prima. La nuova energia ci piace? Ci è congeniale? Rappresenta un'opportunità che non avremmo preso in esame? Rispetta meglio la nostra struttura interiore? Anche dietro la paura ci sono ricchi panorami di opportunità, non solo chiusure o negazione. La cosa importante è lasciarsi guidare dal Respiro che crea uno spazio infinito in un punto fondamentale del nostro sistema umano da cui portare avanti tutto il processo di osservazione appena illustrato: il Cuore. Nelle profondità di questo punto focale il Drago Rosso Solare immette l'intenzione di riscoprire il Potere Interiore, l'Amore per se stessi che supera ogni tipo di ostacolo, barriera o divieto.
Questo sì che è un viaggio alla scoperta di qualcosa di sconosciuto! 
Stefania Gyan Salila

giovedì 3 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 04.11.2016 - SOLE GIALLO GALATTICO, KIN 60 - GIORNO 8 DELL'ONDA DEL VIANDANTE DEI CIELI ROSSO


Il Sole Giallo che risuona al Tono Galattico rappresenta la nascita della Coscienza Solare che da tempo è un traguardo dell'evoluzione della Mente Collettiva Terrestre. Il nostro Sole è un canale di raccolta di informazioni luminose che vengono poi irradiate, trasmesse, a tutti i pianeti del Sistema Solare per mantenere vivo il collegamento con la Fonte. Queste informazioni sono contenute dentro il Modulo Armonico Tzolkin sotto forma di codici numerici e di codici di Luce, i Kin, cellule del Tempo Naturale che servono a riarmonizzare i cicli planetari e a far sintonizzare le coscienze umane con questi cicli.
Oggi, 4 novembre 2016 secondo il Calendario Giuliano-Gregoriano, si conclude un ciclo di 812 giorni che ci sta portando in contatto con un nuovo stato di coscienza, Solare, appunto, collegati con la Mente Superiore, sempre più connessi con ciò che esiste al di là del velo delle illusioni della paura. Tutto quello che sta accadendo intorno a noi ci mette sempre più in contatto con nuove realtà di vita. Il senso di precarietà causato dai grandi cataclismi naturali ci mette in confronto con l'esigenza di dover cambiare prospettiva per passare oltre, per sopravvivere in un momento di immane cambiamento, che non è mai stato così imminente come adesso. Tutto ci riporta all'essenziale, al centro del centro, al mondo interiore dove vive il nostro Sole Individuale. E' lì che avviene la vera trasformazione, ed attivando i miliardi di piccoli soli che abitano dentro ciascun umano, ecco che la coscienza collettiva può cambiare. Quando un individuo riesce a percepire la bellezza che potenzialmente può irradiare da sé, egli non potrà mai più tornare indietro nel buio e nella paura. Farà di tutto per mantenere viva quella luce, quella fiamma infinita ed eterna, manifestandola nel mondo, dagli occhi, dal cuore, da ogni singola cellula del corpo. 
Il Sole Giallo Galattico è l'Identità Galattica di Pacal Votan, l'illuminato principe maya che venne ad aprire il Ciclo, il cui sarcofago scolpito è stato definito la Pietra Parlante della Profezia del Tempo.  
Stefania Gyan Salila




mercoledì 2 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 03.11.2016 - TEMPESTA BLU RISONANTE, KIN 59 - GIORNO 7 DELL'ONDA DEL VIANDANTE DEI CIELI ROSSO


La Tempesta Blu che risuona al Tono Risonante è un processo di preparazione del nostro personale terreno interiore, che sta modificando la base per accogliere nuova luce e maggiori spunti di consapevolezza. Le qualità dell'energia della Tempesta Blu eliminano i ristagni e le stasi, così che la circolazione del flusso luminoso dell'Amore riprende il suo corso, a qualunque livello dell'essere, dal più sottile al più denso, dalla prima dimensione dei minerali contenuti dentro la cellula alla quinta/sesta dimensione del Sé Superiore. Così la comunicazione tra i diversi stati dell'Essere diventa fluida, possibile, presente, e la Vita accade.
Ogni volta che la Tempesta Blu arriva nel corso di un ciclo di 20 giorni (che corrisponde al susseguirsi dei 20 Glifi Solari), noi terrestri viviamo un'esperienza di pulizia da ciò che è rimasto nascosto e dimenticato, ma che ha in qualche modo reso anchilosati i movimenti leggeri dell'anima. 
Una delle parole chiave di questo Glifo è catarsi, lo squarcio che si verifica dentro gli spessi muri interiori quando non ci permettiamo di esprimere le nostre emozioni per essere amati, per non disturbare, per compiacere. Così la Tempesta Blu arriva dopo che lo Specchio Bianco (il kin di ieri) ci ha mostrato la verità. Il confronto forse non è stato semplice, forse siamo scossi, forse ci sentiamo scossi. Ci mettiamo comunque in discussione e cerchiamo di allinearci ad un'integrità che abbiamo scorto nel Riflesso dello Specchio Bianco. Per farlo sentiamo essere necessario lasciar andare atteggiamenti obsoleti, automatismi e chiusure, portando respiro in ogni istante del presente, un respiro che ci liberi la mente e ci permetta di andare oltre l'ostinata pesantezza di queste giornate. Tutto questo è necessario per proseguire nel Viaggio dentro l'Ignoto, strato dopo strato delle nostre difficoltà che riusciamo a mettere a fuoco in maniera dettagliata e possibilmente amorevole. Domani il Sole Giallo Galattico potrà far risplendere la sua Luce dentro un animo aperto, portandoci a maturare un atteggiamento di piacevole integrità interiore, da cui poter inviare vibrazioni costruttive verso il futuro. Il presente è, noi siamo. Tutto è ora. Altro non esiste.
Stefania Gyan Salila

martedì 1 novembre 2016

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 02.11.2016 - SPECCHIO BIANCO RITMICO, KIN 58, PORTALE DI ATTIVAZIONE GALATTICA - GIORNO 6 DELL'ONDA DEL VIANDANTE DEI CIELI ROSSO


Lo Specchio Bianco è l'unico manufatto presente tra i 20 Glifi della Cosmogonia Galattica. Tutti gli altri sono elementi della Natura (Drago, Vento, Notte, Scimmia, Seme, ecc.) oppure creature mitiche (Allacciatore dei Mondi e Viandante dei Cieli). Gli antichi Maya usavano lamine di ossidiana nera quali specchi divinatori, che venivano chiamati Specchi di Venere. Dunque lo Specchio Bianco assume una valenza di collegamento con il Qui e Ora, il Riflesso di un eterno presente che coagula in uno stesso istante il Tempo. Il passato mostra una scia di colore che si arricchisce di nuove tonalità nel presente, dando forma ad un ritmo che anticipa ciò che sarà il futuro. Ecco perché è inutile chiedersi come sarà il futuro se nel presente non raccogliamo l'invito a portare modifiche nell'attuale matrice che genera una nostra manifestazione. Il futuro non sarà mai diverso da ora se rimarremo fermi dentro le nostre paure, congelati in una sorta di pseudo-controllo. 
Lo Specchio Bianco che risuona al Tono Ritmico raccoglie la Forza della Terra Rossa Intonante (il Kin che lo precede - l'energia del giorno di ieri) quale movimento di propulsione verso un grande cambiamento. La Terra Rossa Intonante ci spinge avanti nell'evoluzione della coscienza, com'è il compito di questa Onda Incantata del Viandante dei Cieli. Lo Specchio Bianco ci aiuta a trovare una nuova immagine di noi stessi che si adatti a questa novità, ai nuovi flussi energetici potenti e inesorabili che ci stanno accompagnando fuori dal 2016. Ciò che possiamo incontrare in quello sguardo riflesso è la Visione di noi stessi già al di là, proiettati nell'oltre. E' un'immagine che alleggerisce le attuali difficoltà e ci allinea con un progetto che ci aspetta nel futuro, il cui seme stiamo piantando ora. Nell'allineamento ci sono punti che combaciano. Essi annullano i vuoti e le insicurezze, portando accettazione là dove la resistenza della paura crea una sacca di dispersione dell'energia. Se adesso è tanto difficile andare avanti è perché mai come ora siamo davanti alla nostra verità, anche quella che a volte non vorremmo vedere. Si tratta di vincere su di sé in quelle occasioni in cui ci siamo rivelati i peggiori nemici di noi stessi. 
Stefania Gyan Salila