lunedì 18 marzo 2019

17.03.2019 - SEME GIALLO MAGNETICO, KIN 144 - INIZIA L'ONDA INCANTATA DELLA CHIAMATA A FIORIRE



Primo giorno dell'Onda Incantata del Seme Giallo, Kin 144, numero sacro per tanti libri antichi, collegato con il numero degli Eletti che salveranno la Terra, così riportano le profezie. 
Cosa significa salvare la Terra? Una domanda enorme che ha tante sotto-domande: che relazione abbiamo con il luogo che ci ospita? Quanto siamo connessi con noi stessi? Siamo consapevoli del posto che occupiamo? Vediamo noi stessi per quelli che siamo? 
Dal 17 al 30 marzo siamo chiamati a rispondere, o meglio, si apre un'esperienza durante la quale sarà possibile vivere sulla propria pelle questo tipo di tematica.
L'Onda Incantata del Seme Giallo permette l'esplorazione della connessione con l'ambiente. Esso viene adagiato in un solco e ricoperto di terra, affinché, nel buio ed umido giaciglio, possa esso morire e dare vita ad un altro sé, che nel tempo diventerà pianta, fiore, albero. 
Cosa ci ricorda questo passaggio?
Il ciclo della vita umana nasce pure da un seme, che muore a se stesso per dare vita ad un essere. Quest'ultimo poi fiorisce in qualcosa di grande, cambiando il mondo attraverso il proprio contributo esistenziale. Fiorire è un impegno che prendiamo per rispettare la Forza grazie alla quale siamo su questo pianeta esperienziale. Fiorire significa portare a manifestare le innate risorse, vivendo. La vita non è tale a prescindere. La vita è esperienza, oltre ogni rischio. Vivere è respirare a pieni polmoni, riformulando ogni volta l'intento che ci ha portato qui. 
L'Onda del Seme Giallo è uno dei cicli di 13 giorni più intensi di tutto lo Tzolkin perché trasporta le memorie delle Guerre del Tempo. Il Seme Giallo è il custode telepatico dell'orbita di Giove, da cui è partito il raggio che ha distrutto Maldek, uno dei pianeti perduti, di cui oggi rimane la Cintura degli Asteroidi (per approfondimenti leggi Arcturus'Probe di Josè Arguelles). Chi si incarna Seme Giallo o Aquila Blu, oppure chi nasce dal Kin 144 al 156, trasporta queste memorie nel proprio DNA ed è qui per evitare che simili catastrofi si ripetano. Potrebbero essere vivi in queste persone traumi o ferite oggettivamente inspiegabili, probabilmente risalenti a tempi dimenticati. Durante i prossimi 13 giorni tenderanno a riaffiorare vecchi conflitti che siamo chiamati a pacificare dentro di noi.
L'intensità dell'Onda del Seme Giallo è data anche dal fatto che su 13 Kin/giorni, 10 sono Portali di Attivazione Galattica, dal Kin 146 (Allacciatore dei Mondi Elettrico) al Kin 155 (Aquila Blu Cristallo). Si tratta del Tempo che dilata se stesso all'infinito, portando alla mente la sensazione di smarrimento, al cuore silenzio e ascolto, nelle giornate rallentamenti sul piano pratico, forse stanchezza, tanti sogni la notte e l'accelerazione degli eventi, di cui noteremo la fortissima sincronicità. 

In lak'ech!




giovedì 14 marzo 2019

14.03.2019 - SOLE GIALLO PLANETARIO, KIN 140 - L'USCITA DALLA COLONNA MISTICA, IL FILO DI UNIONE CON LA GALASSIA



Lo scorso 23 febbraio è iniziato il ciclo di 20 giorni in cui avremmo viaggiato all'interno della Colonna Mistica, settima colonna del Modulo Armonico Tzolkin, portatore della decodifica delle informazioni galattiche provenienti da Hunab Ku, il buco nero che pulsa dal Centro della Galassia.


Il viaggio dentro la Colonna Mistica inizia sempre con il Drago Rosso Auto-Esistente, Kin 121, la Grande Madre che mantiene l'apertura del Cuore con la Presenza, affinché il viaggio di discesa verso uno stato di accettazione dell'incarnazione terrestre sia completo e totale. Chi deve accettare l'incarnazione? Il Viaggiatore del Tempo che dorme in noi, la Forza dell'Amore che tiene vivi i cuori umani. Quell'Essenza proveniente da altri mondi che ha emanato se stessa fino a crearsi un corpo fisico per venire a svolgere una missione importantissima, grazie alla quale anche qui, in questo mondo obnubilato, potesse risplendere il Sole. Infatti la Colonna Mistica si conclude con il Sole Giallo Planetario, Kin 140 - la Manifestazione dell'Illuminazione, della Chiarezza qua sulla Terra. Cosa siamo venuti a fare? Ecco il punto. Quanto siamo in contatto con la nostra missione di vita? Non possiamo più permetterci di non saperlo e qui ci viene chiesto di lasciar andare i miti e le illusioni rispetto a questo argomento così delicato. Esistere è la nostra missione. Respirare in consapevolezza, affinché attraverso di noi emani una frequenza armonica quanto più pura possibile. E' vero ed è chiaro che tanto di noi è inquinato da paure, senso di smarrimento, disarmonie e disagi. E' vero ed è chiaro che stiamo ripulendo memorie più grandi di noi, che la sofferenza di cui ci siamo fatti carico ha schiacciato tanta della bellezza che risplende nel profondo. A questo servono i cicli - ogni volta un'occasione per ricordare l'armonia celeste che abita in noi. Ogni volta una modalità diversa per penetrare in quell'oltre oscuro che non è altro che il canale uterino verso la rinascita a noi stessi. Oltre ci attende una luce mai conosciuta prima. E' sempre stata lì ma non riuscivamo a contattarla, persi come eravamo nel cercare noi stessi.
Quindi qual è la missione di vita? Tutto quello che ci permette di passare oltre quel canale oscuro, uscendo nella luce di ciò che crea armonia e pace dentro di noi. 

Il Drago Rosso Auto-Esistente, Kin 121, è il quarto giorno dell'Onda dello Specchio Bianco, e rappresenta la possibilità di mantenere una posizione di forza rispetto alle scelte importanti da fare nella vita. Nel mettere a fuoco gli obiettivi che ci chiamano al risveglio, i passaggi verso il nostro stesso Oltre, ci focalizziamo su una visione dell'Infinito che si apre in noi e la facciamo diventare stato di apertura del Cuore. Da lì possiamo inoltrarci dentro e incontrare tutto ciò che prima non si era palesato.
Il Sole Giallo Planetario, Kin 140, è il decimo giorno dell'Onda della Scimmia Blu, e rappresenta la Manifestazione della Magia celeste sulla Terra. Apriamo gli occhi a ciò che accade oltre gli eventi, alle azioni degli "altri" che ci parlano di noi e rimandano specchi importantissimi. Nulla accade a caso, nulla viene fatto dagli altri. Sono azioni che manifestano determinate dinamiche distorte che vanno riarmonizzate con umiltà e presenza. 
Il Kin 140 è potente perché sostiene sulle sue spalle tante informazioni. La sua frequenza può illuminare tanto, se ci permettiamo di vedere. Lasciamo che sia, lasciamo che le strutture di difesa si sciolgano. Stiamo guarendo dalle guerre antiche, stiamo guarendo memorie perdute. Stiamo portando alla luce tutti i conflitti che abbiamo causato, sia da carnefici che da vittime.
E' un momento sacro. Accettiamone la portata.

In lak'ech!



sabato 9 marzo 2019

LA RUOTA DELLO TZOLKIN - I 13 TONI GALATTICI ED I 20 GLIFI SOLARI




LA RUOTA DELLO TZOLKIN - 13 TONI GALATTICI (PURA SONORITA') E 20 GLIFI SOLARI (LA VIBRAZIONE SONORA DELLA FONTE SI AVVICINA AL NOSTRO STATO DI COSCIENZA E RALLENTA PRENDENDO UNA FORMA).
I 20 GLIFI SOLARI RAPPRESENTANO LA NOSTRA PERSONALITA' ED I 13 TONI GALATTICI LA MISSIONE DELL'ANIMA DA SVILUPPARE ATTRAVERSO UNA DATA PERSONALITA'
IN LAK'ECH!

domenica 3 marzo 2019

04.03.2019 - CANE BIANCO COSMICO, KIN 130 - FINISCE L'ONDA INCANTATA DELLO SPECCHIO BIANCO NEL CUORE DEL CUORE DELLO TZOLKIN

IMMAGINE DI RENE ARREOLA

Il 04 marzo 2019 si chiude il ciclo di 13 giorni dedicato alla sperimentazione dell'insegnamento dello Specchio Bianco (il potere della Riflessione, del Silenzio e dell'Osservazione). Esso è il diciottesimo Glifo Solare sui 20 codificati dagli studi di Josè Arguelles/Valum Votan durante i suoi anni di ricerca. 


Lo Specchio Bianco è l'unico manufatto tra di essi, che per la maggior parte si riferiscono a creature della Terra (Drago, Seme, Serpente, Mano, Cane, Scimmia, Umano, Aquila, Guerriero, la stessa Terra), fenomeni naturali (Vento, Tempesta, Notte), corpi celesti (Stella, Luna, Sole), creature mitiche (Allacciatore dei Mondi, Viandante dei Cieli, Mago). Lo Specchio si distingue per essere qualcosa che ha richiesto l'azione dell'Umano per esistere. Gli antichi Maya usavano gli specchi di ossidiana per predire il futuro. L'ossidiana è un materiale scuro ma lucido dentro cui vedere oltre le forme. Così lo Specchio invita - ci ha invitato in questi ultimi 13 giorni, dallo scorso 20 febbraio - a perderci dentro il nostro stesso riflesso. Sono stati giorni estremamente intensi, perché guardare oltre la superficie ci ha messo in confronto con il non-visto, con i contenuti inconsci che la mente pone sotto la superficie per protezione. Eppure a volte è necessario andare oltre e guardare dentro le placide acque dell'indifferenza e cominciare a sentire. Ecco perché lo Specchio Bianco termina il suo ciclo con la frequenza del Cane Bianco Cosmico, Kin 130, Cuore del Cuore dello Tzolkin (il Modulo Armonico è composto di 260 Kin - il Kin 130 è esattamente il Centro). Solo dopo aver visto e preso atto, ogni sussulto d'amore che proveremo per noi stessi sarà puro ed incondizionato. Perché staremo amando anche ciò che non ci piace di noi, ciò di cui abbiamo provato vergogna. E nonostante questo, ci staremo comunque amando, perché comprenderemo come ciò che è accaduto, qualunque cosa sia, è stato frutto di un amore forse distorto, forse negato, ma sempre amore era.
Stiamo arrivando a comprendere a livello di coscienza collettiva come la dualità possa essere vista in qualità di complementarietà, qualcosa che arricchisce, e non più come senso di separazione. Arrivare dentro il Kin 130 è radicarsi al centro dell'amore, visto che il Cane Bianco Cosmico è la pura trascendenza dell'amore: il cuore che accoglie, si attiva e trabocca la frequenza più alta possibile che il nostro sistema nervoso riesce a mantenere nel tempo, diffondendo amore intorno a sé.
Giorni sacri, passaggi delicati, sia dal punto di vista dell'astrologia solare - leggi QUI per approfondimenti - che per il Sincronario Galattico delle 13 Lune di 28 giorni. Osserviamo, ponendo gli occhi sul mondo partendo dal punto più profondo di noi stessi. Accogliendo ciò che è di noi, possiamo lasciarci essere ciò che siamo, lasciando che anche gli altri siano ciò che sono, lasciando che il mondo sia ciò che è. Almeno prendiamo in considerazione la possibilità.
In lak'ech!




domenica 24 febbraio 2019

ONDA INCANTATA DELLO SPECCHIO BIANCO - 20.02/04.03.2019 - I GIORNI DEL VOLO DENTRO LA COLONNA MISTICA




Dal 20 febbraio stiamo viaggiando dentro l'Onda dello Specchio Bianco, la decima Onda dello Tzolkin, il cui Potere è quello della Meditazione e della Riflessione. Silenzio, sguardo sfuocato, osservazione, ritiro. Queste le parole chiave dei prossimi giorni fino al 04 marzo, così da essere ancora più centrati per affrontare al meglio il prossimo evento astrologico della stagione, l'ingresso definitivo di Urano in Toro il 07 marzo. Tanta luce inonderà i nostri occhi, per cui meglio abituarsi a vedere. Con molta umiltà, lasciamoci vedere anche ciò che potrebbe essere stato volutamente dimenticato. Chiaro che se così è accaduto, ci saranno stati motivi molto validi. Tuttavia ora può essere arrivato il momento in cui continuare a non voler vedere richiede un prezzo troppo alto. Non contattare una parte significa anche dimenticare molto altro. E allora l'abbondanza dove l'abbiamo lasciata? Abbiamo represso la rabbia e non riusciamo a prendere contatto con l'amore. Perché esso si appoggia al di sotto di quella emozione scomodo e spessissimo negata. Quindi ora di vedere, posizionandosi davanti allo Specchio e lasciando che le immagini da sole si mostrino. Possiamo avere la forza di non censurare? Respiriamo e lasciamo che sia.
Il 04 marzo, 3 giorni prima che il Pianeta della Luce entri nel Toro, Segno di Terra collegato alla Dea,  entreremo nel giorno del Cane Bianco Cosmico, Kin 130, cuore dello Tzolkin, Trascendenza dell'Amore Cosmico. Sarà un momento estremamente magico, in cui potremo, se così saremo predisposti, lasciare che il cuore si arrenda a qualcosa di più grande, di immensamente più grande. 
Considerando che dal 23 febbraio scivoleremo all'interno della Colonna Mistica, il Luogo del Sacro Volo, tutto assume un'aura solenne, come sempre accade durante lo sviluppo dell'Onda dello Specchio.





Questo schema è ormai noto a chi segue il mio blog - si tratta del Modulo Armonico Tzolkin (Sacro Computo), una mappa dell'energia galattica passata a José Arguelles da Tony Shearer, poeta Lakota, autore di Lord of the Dawn, tra le altre cose.
Modulo Armonico significa che è uno schema ciclico che crea un'armonia e l'armonia è una sonorità che emana note di pace che permettono l'espansione della frequenza del cuore.
Esso è formato da 13 colonne e 20 righe su cui è rappresentata una sequenza numerica da 1 a 260, individuabili dall'alto al basso. 
Sull'estrema sinistra sono rappresentati in una colonna verticale i 20 Glifi Solari, frutto della respirazione del Sole che emana il messaggio galattico ai pianeti del suo sistema. I Glifi Solari sono paragonabili ai 12 Segni Zodiacali dell'Astrologia Solare.
Nello Tzolkin sono facilmente individuabili i 52 Portali di Attivazione Galattica (quadrati verdi), l'imprinting galattico che riceviamo qui sulla Terra. Ognuno dei 260 quadrati è un giorno - quando si arriva ad un giorno/quadrato verde entriamo in un giorno Portale in cui la comunicazione tra Cielo e Terra è aperta. La Matrice Galattica dei 52 P.A.G. è divisa al centro da una colonna vuota - la Colonna Mistica, punto d'incontro del Cielo con la Terra.
Ciclicamente il Tempo entra in quella Colonna per una durata di 20 giorni - quel Tempo coincide con lo sviluppo dell'Onda dello Specchio Bianco, Kin 118/130 e della Scimmia Blu, Kin 131/143.
Ora siamo esattamente lì.
L'Onda dello Specchio Bianco introduce la coscienza collettiva che segue il Tempo Galattico alla discesa all'interno della Colonna Mistica. Oggi che sto scrivendo, 24 febbraio 2019, siamo nel Kin 122, Vento Bianco Intonante, secondo giorno della Colonna.
Essendo io Kin 123, questa è la mia Onda di nascita e vi assicuro che non è stato un gioco nascere dovendo mantenere un riflesso. Tutti quelli nell'Onda dello Specchio condividono con me questo compito. Mantenere forte un riflesso, ma chi riflette te? Solo chi a sua volta è nato dentro questa Onda. Non solo. Tutti quelli nati tra il Kin 121 ed il Kin 140 fanno esperienza in questa vita di un forte senso di sospensione, come a sentire di essere nati per qualcosa di grande, con tutte le difficoltà di individuare sia la missione che una modalità fattibile per portarla a sviluppo. Aver scelto di fare un'esperienza sulla Terra e nascere poi all'interno della Colonna Mistica è come un volo a planare, dove non si riesce a controllare la velocità della discesa. Ci si potrebbe mettere una vita intera ad incarnarsi, sentirsi nel corpo ed accettare di essere nati, come ci può schiantare al suolo in un attimo. E' un'esistenza passata a calibrare le distanze, a cercare di evitare di farsi sopraffare dalle vertigini. Una volta messi a punti gli strumenti innati, però, poi ci si diverte a frequentare due mondi, quello terrestre e fenomenico, e quello interiore/galattico/onirico, creando continui mosaici interattivi molto nutrienti.




Lo Specchio Bianco dunque invita a unire le diverse dimensioni e si offre quale portale per andare anche oltre. Urano, pure luce, che sta per entrare in Toro, illuminerà ciò che di solito non riceve attenzione ed è stato incrostato dall'oblio. Guardare dentro lo Specchio risulterà particolarmente utile.

Se volete individuare la vostra Identità Galattica, cliccate QUI e divertitevi a trovare l'Onda Incantata di nascita. E' il modo per conoscere il Viaggiatore del Tempo che giace dormiente in noi, riattivando la sua memoria. Chissà quali ispirazioni potrebbero emergere!

In lak'ech!




sabato 16 febbraio 2019

16.02.2019 - MAGO BIANCO PLANETARIO, KIN 114, PORTALE DI ATTIVAZIONE GALATTICA


Strana atmosfera ha portato questa Onda del Serpente. Esso sta mostrando la sua parte più densa e difficile. Io soprattutto ne sto risentendo dal punto di vista fisico, che è il campo d'azione del Serpente Rosso, visto che la sua energia lavora con la Forza Vitale. La domanda sembra essere: ma dove è andata a finire la Forza?
Probabilmente mesi di ricerca di un equilibrio tra opposti ha messo a dura prova lo psico-soma, per cui ora che vorremmo nutrimento e riposo, ci viene chiesto un ulteriore sforzo, che sembra quasi sovrumano. Sì, perché ora siamo in chiusura di qualcosa di epocale e nel flusso di scarico stiamo purificando tonnellate di memorie dense e dolorose.
Facciamoci forza insieme - questo è il messaggio del Mago Bianco che risuona al Tono Planetario. Stiamo insieme, uniti nel tenere alta la frequenza nonostante tutto. Mai come ora possiamo imparare quanto la solitudine sia un'illusione. Apriamo il cuore ad accogliere. Possiamo imparare la cooperazione. Presenti come sempre, nonostante tutto, alla Bellezza.
In lak'ech!

giovedì 7 febbraio 2019

ONDA INCANTATA DEL SERPENTE ROSSO, KIN 105/117 (07/19.02.2019) - IMPARA A STARE IN PRESENZA


L'Onda del Serpente è la nona Onda Incantata dello Tzolkin, il Modulo Armonico di 260 giorni suddiviso in cicli di diversa durata e natura. Per approfondimenti leggi QUI.

Lo Tzolkin è un disegno, uno schema, che nasce dall'intersezione di due diversi flussi di informazioni. Suoni, battiti, spirali, cicli, percezioni, intuizioni, visioni. Queste sono tutte informazioni che stimolano continuamente il nostro cervello, attivando sinapsi, comprensioni, collegamenti. Le informazioni possono avere qualità sonore: i 13 Toni Galattici (il battito costante del cuore della Madre Cosmica nelle sue diverse vibrazioni); tuttavia esse possono prendere anche una forma, diventando simboli,  i 20 Glifi Solari. 13x20=260. Questo numero diventa giorno, momento del tempo, dentro cui viviamo, agiamo, siamo. 260 è la quantità delle diverse tipologie informative con cui il nostro cervello entra in contatto per creare la sua realtà. E questa è la differenza che una simile percezione del Tempo contiene, rispetto a ciò che siamo già abituati a percepire. Questo tipo di Tempo possiede una qualità, che può essere utilizzata creativamente. 
I Toni vibrano dentro di noi, le nostre cellule riconoscono quel suono, perché da lì proveniamo. I simboli attivano, perché sono archetipi, forme che pulsano e rimandano ad altro. Intrecciando insieme le due fonti nascono continuamente nuove forme, dentro di noi, poi emanate dal nostro campo energetico.
I 260 giorni dello Tzolkin sono divisi in 20 mini-cicli di 13 giorni. Perché? Perché ognuno dei 20 Glifi manifesta se stesso all'interno dei 13 Toni. Ciascuno dei 20 simboli prende vita e porta i propri valori per 13 giorni, affinché quei valori diventino vita e vengano appresi dall'inconscio collettivo per trasformarsi in consapevolezza. Si tratta di un Tempo informato e che informa. Non è un tempo passivo da passare nell'attesa che passi. E' un Tempo da vivere, da agire, da cavalcare.


Dal Kin (giorno) 105 al Kin 117 -lo Tzolkin si legge dall'alto verso il basso - è il ciclo che si apre il 07 febbraio e si chiude il 19 febbraio 2019, dal Serpente Rosso Magnetico (105) alla Terra Rossa Cosmica (117). Cosa porta questo percorso di 13 giorni? Il Serpente è un Iniziato, perché è uno degli esseri più antichi presenti sul pianeta. Esso conosce le leggi che regolano questo posto, è in contatto con le radici, con la fatica della sopravvivenza, ma è anche forza vitale ed energia sessuale. Dunque queste le parole chiave. Arriviamo dall'Onda dell'Umano Giallo, dal 25 gennaio al 06 febbraio 2019, in cui abbiamo imparato a ri-conoscerci, e ora ci viene chiesto di essere.
I Glifi Solari della Famiglia Cromatica Rossa (Drago, Serpente, Luna, Viandante dei Cieli, Terra) possiedono qualità di grande presenza, di assertività. Difficile non accorgersi di loro. Essi sfidano perché emanano un'energia molto forte. Quando attraversiamo un'Onda guidata da uno di questi Glifi, veniamo chiamati a sperimentare quale sia la nostra posizione rispetto a chi siamo. 
Sappiamo stare in presenza?
Sappiamo prenderci il nostro posto?
Sappiamo cosa ci fa bene?
Sappiamo riconoscere ed evitare cosa ci fa male?
Sappiamo che qualità ha la nostra forza?
Queste sono qualità fondamentali da sviluppare per qualunque umano, ed ora ci viene chiesto di partecipare attivamente alla ricerca di risposte, se siamo in quel grado di consapevolezza, o notare le conferme che stanno arrivando, se siamo già arrivati a buon punto del sentiero di risveglio.
Osservando lo schema del Modulo Armonico, si noterà che dal Kin 106 (Allacciatore dei Mondi Lunare) al Kin 115 (Aquila Blu Spettrale) i quadrati che descrivono i giorni/Kin sono verde scuro. Questi sono i Portali di Attivazione Galattica, giornate in cui la comunicazione tra Cielo e Terra è aperta. La successione di 10 giorni Portali di solito viene avvertita come un passaggio molto denso ed attivante, in cui veniamo sfidati dal punto di vista della presa di coscienza e del risveglio. Siamo portati a vedere anche quello che non vorremmo vedere, per cui attiviamo mille difese e meccanismi di resistenza. Oppure finalmente arriva quella chiarezza che aspettavamo da tempo. Dipende dalla nostra prospettiva di partenza. 
Nello specifico il ciclo di Portali nel ciclo dell'Onda inizia l'08 febbraio e si conclude il 17. Poiché il Serpente notoriamente è l'animale che cambia pelle, sicuramente quello che ci viene chiesto è proprio questo: denudiamoci degli stati illusori - ora non è un passaggio facile, sicuramente fa male perché si tratta di disidentificarsi, di lasciar andare. Ma noi siamo sempre in viaggio, noi cambiamo sempre. Solo che è ora di diventarne consapevoli.
Infine, il Serpente Rosso è il custode telepatico dell'orbita di Maldek, il pianeta perduto di cui ora rimane solo la Cintura degli Asteroidi. Il Serpente Rosso attiva i ricordi di ciò che non c'è più. Non cadiamo nella nostalgia fine a se stessa, ma impegniamoci a essere frutti della bellezza che custodiamo dentro. Così attiveremo l'amore, che caccerà via la paura.
In lak'ech!