lunedì 23 gennaio 2017

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 24.01.2017 - DRAGO ROSSO SPETTRALE, KIN 141 - GIORNO 11 DELL'ONDA DELLA SCIMMIA BLU


La trama della realtà che viene descritta dallo Tzolkin, il Sacro Computo del Tempo Maya Galattico, è formata dall'unione della frequenza di 20 Glifi Solari (per facilità, potremmo considerarli come i 12 Segni zodiacali), che danno forma ad una vibrazione dell'energia che si manifesta come un suono, detto Tono Galattico. Sono state codificate 13 diverse tonalità, che nel loro susseguirsi portano in vita un progetto, un insegnamento. Sono cicli ripetuti di apprendimento che permettono la sintonizzazione della coscienza alle correnti planetarie e galattiche. I cicli a cui mi riferisco si chiamano Onde Incantate. Durano 13 giorni e permettono il radicamento di informazioni di luce nella coscienza dei terrestri. Nel corso di 13 giorni sperimentiamo un inizio, uno sviluppo, una manifestazione ed una chiusura di un dato progetto, in base a quale sia il Glifo Solare che apre la sequenza. Oggi, per esempio, siamo nell'undicesimo giorno dell'undicesima Onda Incantata, l'Onda della Scimmia Blu, il cui insegnamento è la capacità di leggere la realtà oltre gli eventi apparenti, per captare il vero impulso che ha creato quell'evento e risvegliarsi dal sonno ipnotico che ci avvolge.
L'undicesimo giorno si esprime attraverso la vibrazione del Tono Galattico detto Spettrale, che richiama l'evanescenza del processo di destrutturazione della materia. Una volta che il proposito si è manifestato nella realtà, esso viene integrato. L'individuo diventa il suo stesso progetto e può smettere di cercare fuori ciò che è stato individuato dentro. Così ci si libera delle sovrastrutture mentali che ci hanno separato dall'amore per noi stessi e manteniamo la rotta verso l'Infinito che ci abita, ponendo bene un passo dietro l'altro con maggiore sicurezza.
Il Glifo Solare che incarna l'undicesimo giorno dell'Onda della Scimmia Blu è il Drago Rosso, che rappresenta la Nascita, la Grande Madre e la Connessione con la Terra. Il Drago Rosso porta con sé l'Archetipo della Sacralità della Vita e ci apre a contattare la Forza che custodiamo dentro il ventre per liberarla, usando grinta e determinazione. Il Drago Rosso che risuona al Tono Spettrale contiene il grido di rivalsa di chi ricerca la verità e sa che, nonostante le difficoltà, sarà la Ricerca stessa a materializzare le risposte. Anche se ci si è persi lungo la strada, ogni circonvoluzione è stata necessaria per affinare l'ascolto della sottilissima Voce della Saggezza. 
Il Drago Rosso è una delle creature più antiche della Terra e con la sua presenza risveglia la memoria della nostra stessa antichità. Ricordati, ci dice. Ricordati della tua forza e del potere che custodisci in te. Nessuno ti può salvare se non te stesso. Nessuno può farti sentire amato se prima non ti accogli totalmente. Nasci a te stesso e stai nel tuo divenire. E se hai scelto la paura quale compagna di viaggio, è arrivato il momento di prendere un altro sentiero. 
Stefania Gyan Salila

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 23.01.2017 - SOLE GIALLO PLANETARIO, KIN 140 - GIORNO 10 DELL'ONDA DELLO SPECCHIO BIANCO


Oggi è kin 140. Sono passati 140 giorni dall'inizio dell'attuale corso del Modulo Armonico detto Tzolkin (Sacro Computo), la matrice galattica delle permutazioni energetiche che rappresentano la vita da questa parte del Multiverso. 


Il kin 140 è il decimo giorno dell'undicesima Onda Incantata del Modulo Armonico, diviso in 20 spazi temporali di 13 giorni (20 x 13 = 260), 20 Onde di creazione della realtà basata sull'interazione tra Cielo e Terra, tra Cielo e Umanità, dove quest'ultima è il ricettacolo dei flussi galattici, un'antenna ricetrasmittente delle onde di frequenza, disegnata per mettere in comunicazione dimensioni diverse del piano dell'esistenza all'interno del proprio cuore, che nella visione del Microcosmo diventa il Sole.
Il kin 140, Sole Giallo Planetario, rappresenta l'ultimo kin della Colonna Mistica, il Cordone Ombelicale che ci connette con la Fonte, il Vuoto Cosmico in cui si riverberano i venti solari che trasportano le informazioni di luce dal Centro della Galassia alle intelligenze planetarie del nostro sistema solare. Essere arrivati in questo punto di base di un intero programma di risveglio (le informazioni di luce sono impulsi che attivano la memoria cellulare) significa aver attraversato uno spazio di sospensione lungo 20 giorni (dal 04 gennaio), durante i quali possiamo anche esserci sentiti persi. Se tuttavia abbiamo saputo mantenere la direzione, per navigare a vista facendo i conti con tutto il presente possibile, oggi si potrebbe attivare un'ulteriore presa di coscienza, frutto dello sfrontato coraggio che abbiamo sperimentato nell'ardire di stare dentro quel vuoto volendoci creare ciò che cominciamo a percepire come una parvenza di casa. Iniziamo a sentirci intimi con il senso di precarietà, il che da un certo punto di vista ci rende liberi e nomadi, capaci di seguire nuovi percorsi forse più tortuosi di quelli intrapresi finora, ma estremamente creativi, innovativi ed intriganti.
Respiriamo dunque, e lasciamo che la Luce che oggi arriva a manifestazione possa attivare quanto più amore e abbondanza possibile per noi adesso! Perché ce lo meritiamo e ce lo siamo guadagnato!
Stefania Gyan Salila

venerdì 20 gennaio 2017

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 21.01.2017 - SPECCHIO BIANCO GALATTICO, KIN 138 - GIORNO 8 DELL'ONDA DELLA SCIMMIA BLU


Ci troviamo nel giorno 8 dell'Onda Incantata della Scimmia Blu - il giorno dedicato alla costruzione della nuova visione portata dall'insegnamento di questi 13 giorni. Dal 14 gennaio la Scimmia Blu, il Glifo Solare simbolo della Magia, ci sta guidando ad incontrare la realtà invisibile dentro cui siamo immersi, per diventare consapevoli di come sia fatto il tappeto energetico delle matrici di luce che formano il substrato di intrecci di trame su cui la materia si addensa diventando vita.
Nel giorno dello Specchio Bianco che risuona al Tono Galattico abbiamo la possibilità di focalizzare  lo sguardo sullo schermo che rivela. Il Tono Galattico, il numero 8 sui 13, è quello che rappresenta la fase di costruzione della visione che ha preso forma nei giorni precedenti. Ciò che viene rivelato oggi è la modalità inconscia con cui ciascuno di noi dà vita agli eventi, che è alla base dello stato dell'osservatore, quando l'Uomo diventa testimone di se stesso, mettendosi nella posizione di essere uno strumento del divino. Guardarsi e riconoscere una luce che vada oltre le scintille delle normali intuizioni che solitamente attraversano la coscienza e portarsi in una visione laterale che lasci accadere la vita.
Stefania Gyan Salila

giovedì 19 gennaio 2017

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 20.01.2017 - TERRA ROSSA RISONANTE, KIN 137- GIORNO 7 DELL'ONDA DELLA SCIMMIA BLU


La Terra Rossa rappresenta lo Spirito dell'evoluzione unitaria della coscienza - l'intero nostro pianeta respira, pensa e vive, si muove e sente - noi siamo fatti a sua immagine, esso supporta la nostra vita e viaggia a livello energetico con noi, in profonda connessione spirituale. 
Ogni volta che il Glifo Solare della Terra Rossa torna (ogni 20 giorni) possiamo sperimentare il senso di unità di trovarci tutti sullo stesso cammino di risveglio, allineati con i diversi stati dell'essere, a seconda del grado di luminosità che ciascuno di noi ha sviluppato. 
La Terra Rossa che risuona al Tono Risonante ci invita ad impostarci sull'ascolto interiore perché questo flusso di energia apre ad uno stato interiore di osservazione, nel momento in cui ci accorgiamo che le esperienze esterne sono difficili e non riusciamo apparentemente ad uscirne. Ciò che è possibile fare in quel qui e ora è ampliare lo spazio della ricezione e dell'accettazione, portando l'attenzione al centro dell'essere, e da lì continuare a respirare e lasciare che la sensazione di infinito possa diventare lo stato di coscienza principale. Così entriamo nel silenzio, attiviamo il Maestro Interiore e ci lasciamo guidare, rendendo fluida e possibile la conclusione di un processo che sta maturando, e che probabilmente pensavamo sarebbe stato più semplice. E' necessaria ulteriore forza, ancora più fiducia nel divenire, e solo dal centro del centro essa può essere contattata. Il radicamento è lento per sua natura. Stiamo integrando questa grande lezione. Respiro, pazienza, tempo, ascolto nella dignità del silenzio.
Stefania Gyan Salila

mercoledì 18 gennaio 2017

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 19.01.2017 - GUERRIERO GIALLO RITMICO, KIN 136 - GIORNO 6 DELL'ONDA DELLA SCIMMIA BLU


L'avanzare all'interno della Colonna Mistica si fa lento ed intenso. Corrisponde al processo di densificazione dell'energia. La vibrazione di Luce che viaggia nell'etere entra in contatto con le dimensioni di spazio/tempo che le donano le loro qualità di lentezza e densità. Il fotone diventa materia, la coscienza si fa corpo, il pensiero diventa realtà.




Dal 04 al 23 gennaio le informazioni stanno viaggiando dentro questo spazio definito Vuoto Cosmico e di conseguenza noi stessi ci possiamo sentire trasportati in uno stato alterato di coscienza, dove i soliti parametri non tengono e non ci danno le risposte che sentiamo necessarie. Sappiamo che questa situazione si ripete ogni 260 giorni, è un ciclo a spirale che torna, il cui compito è quello di aiutarci a sintonizzarci con la Fonte, che può essere sì intesa come un punto esterno di Grande Amore, la Sorgente di Tutto Ciò Che E', ma è anche importante diventare consapevoli che quella posizione non è altro che l'immagine di ciò che ci sta generando e tenendo in vita esattamente in questo momento. Cosa ci sta facendo respirare ora? Quale forza invisibile instilla in me la volontà di scrivere queste parole, di ripetere infinite volte gli stessi gesti, di emettere un messaggio informativo in cui io mi permetto di riconoscere il compito che ho scelto di svolgere in questa esistenza? E' quel punto di Vuoto Cosmico che è pieno della nostra Essenza e che crea costantemente la Vita, spinto dall'Amore che Tutto E', appresentazione della manifestazione del Divino in questo Qui e Ora.
L'immagine sopra tratta dal "Diario Sincronico 2010/2013" di Giovanna Battistini e Paola Sani, mostra come la Vita si manifesta e si propaga, e come viene è disposto l'Ordine dell'Amore che tutto crea. Quella mappa galattica è dentro di noi. Hunab Ku (il cerchio verde del Tao) è la Mente Superiore, Kinich Ahau (il Sole) è il cuore, il cerchio dei 64 esagrammi dell'I Ching è il campo elettromagnetico del Cuore, il Toroide della creazione, il cervello umano è il contenitore della Coscienza che si risveglia.
Le difficoltà e le lentezze che stiamo attraversando in questi giorni testimoniano del processo di discesa e radicamento di qualcosa di molto forte e grande che ciascuno di noi sta generando, distillando quale processo alchemico di rinascita. Siamo all'inizio di un anno 1 e tutto è nuovo e come tale richiede tempo per essere conosciuto, riconosciuto, amato, vissuto.
Stefania Gyan Salila 


martedì 17 gennaio 2017

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 18.01.2017 - AQUILA BLU INTONANTE, KIN 135 - GIORNO 5 DELL'ONDA DELLA SCIMMIA BLU


Prosegue il viaggio all'interno della Colonna Mistica del Modulo Armonico Galattico che racchiude le 260 permutazioni dell'energia possibili da questa parte della galassia, lo Tzolkin, che significa Sacro Computo. 


Questa configurazione geometrica ed energetica è arrivata ad Arguelles da parte di due maestri e ricercatori, Toni Shearer prima e Humbatz Men poi, sciamano degli Anziani Maya. Essa ha ispirato Arguelles nei suoi studi e canalizzazioni, portandolo poi a sviluppare un linguaggio numerico quale strumento di comunicazione tra la Terra, i suoi abitanti, il loro personale computer (cervello) e l'Intelligenza Galattica. Quale potrebbe essere la lingua con cui comunicare con culture telepatiche che vibrano alla frequenza della creazione pura? Il numero può avere questa funzione. Seguire lo sviluppo del sincronario galattico basato sul Tempo diviso in un ciclo costante di 13 Lune di 28 giorni ci porta ad allinearci in modo spontaneo e naturale, armonioso, ai movimenti planetari. Innanzitutto ci allineiamo ai cicli terrestri, cercando di uscire dai ritmi forzati di una cultura meccanica. Ogni lunazione ci permette di tornare in connessione con la nostra biologia, scoprendo la naturale predisposizione che il nostro corpo incarna. Una volta che troviamo una buona centratura biologica ed impariamo ad ascoltarci, ecco che la coscienza spontaneamente ricerca la Luce. Le informazioni che ci arrivano attraverso lo Tzolkin aprono il cuore ad un panorama in cui l'umanità svolge la funzione di miliardi di antenne ricetrasmittenti capaci di attirare flussi dal Sole, integrandoli a livello cellulare, per portarli dentro il nucleo terrestre attraverso l'emanazione di onde che sono state trasformate e rese fruibili da complessi processi di apprendimento, che hanno lo scopo di raffinare e purificare un'atmosfera che è stata deteriorata da secoli di oblio. Il Sole è una Fonte che ci ricorda della nostra regalità. Non per niente i 20 Glifi che formano una parte dello Tzolkin si chiamano Solari (l'altra parte sono i 13 Toni, che provengono dall'Hunab Ku, il Centro della Galassia - 20 x 13 = 260, i giorni dello Tzolkin, le 260 identità galattiche). Essi nascono dall'interazione tra la radianza che viaggia nella Galassia, proveniente dal suo centro, ed i movimenti naturali della nostra Stella. La nostra identità ci deriva anche da questa Fonte. Noi siamo tanti piccoli Soli, ed è ora di ricordarselo.
Stefania Gyan Salila

lunedì 16 gennaio 2017

ORACOLO DEL SINCRONARIO DELLE 13 LUNE DEL 17.01.2017 - MAGO BIANCO AUTO-ESISTENTE, KIN 134 - GIORNO 4 DELL'ONDA DELLA SCIMMIA BLU


Il Mago Bianco che risuona al Tono Auto-Esistente rappresenta la capacità individuale di crearsi esattamente le esperienze giuste per andare avanti lungo il percorso del Magico Volo della Scimmia Blu. Dal 14 al 26 gennaio ci libriamo all'interno dell'Onda della Scimmia Blu, il Glifo che ci guida dentro il processo di creazione magica ed immaginativa per imparare a dare vita a ciò che amiamo sfruttando le energie di base di cui siamo composti.
Ciò significa vedersi per quelli che si è, accettare i presupposti che ci hanno resi chi siamo, significa anche avere attraversato il passaggio dell'auto-perdono, così come è accaduto nell'ultimo mese, quando tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017 siamo entrati in contatto con l'insegnamento dello Specchio Bianco, l'ultima Onda Incantata sviluppatasi tra il Primo ed il 13 gennaio. In quei giorni ci siamo confrontati con il Potere della Meditazione e c'è stato chi si è potuto vedere con occhi ben spalancati, prendendo visione della propria verità del momento. Sulla base di ciò che abbiamo visto allora, sul grado di accettazione di quello che abbiamo visto in quell'occasione, possiamo adesso procedere nel dare forma a qualcosa di nuovo che sia un prossimo step in avanti lungo il cammino di manifestazione del sé. Ed è nuovo in nome dell'atto di amore e generosità verso noi stessi che abbiamo potuto compiere grazie al Cuore messo nello sguardo di compassione che abbiamo rivolto a noi stessi in quel momento di nudità davanti allo Specchio.
Ora il Mago Bianco Auto-Esistente ci mostra la lavagna bianca che è l'esistenza, dentro cui poter creare immagini che poi diventino reali. Coltivare i propri sogni giorno dopo giorno significa darsi l'opportunità di comprendere nel profondo se dentro quel progetto possiamo essere totali ed immensi. Solo quando ci sentiremo completamente integrati dentro quella realtà, essa diventerà vera per noi. Si tratta di un processo lento (lo sappiamo bene quanto sia lenta la materia nel suo prendere forma!), tuttavia la lentezza è necessaria per sperimentare la veridicità dei nostri sogni e visioni e aspirazioni e obiettivi. Il Mago Bianco Auto-Esistente contiene anche un invito alla pazienza, perché non è possibile sapere se siamo adatti ad una situazione finché non ne siamo dentro. Occorrono elasticità, morbidezza e duttilità, qualità che richiedono molto allenamento perché aprono alla fiducia e all'arrendevolezza. Una volta avviato un progetto, abbiamo la forza di cambiarlo in corso d'opera? Possiamo sviluppare un'apertura tale da passare attraverso le identificazioni con i nostri obiettivi e stare ad osservare mentre la Vita viene costruita grazie a noi, nonostante noi? E' una magia fantastica! Quella che possiamo sperimentare oggi!
In lak'ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila