giovedì 17 agosto 2017

ORACOLO DEL SINCRONARIO GALATTICO DELLE 13 LUNE - 18.08.2017 - MANO BLU SOLARE, KIN 87 - GIORNO 9 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU


La Mano Blu Solare è il Kin che distribuisce Guarigione. La sua vibrazione stimola il riequilibrio della polarizzazione, e spinge lo stato di coscienza verso l'annullamento del senso di separazione. 
L'Onda della Tempesta Blu è arrivata ad un punto importante, una svolta, il momento in cui ci siamo nutriti di tutte le informazioni necessarie per liberare la visione dai condizionamenti e dai costrutti di limite che ci fanno reagire come bambini capricciosi di fronte alla vita che va altrove rispetto alla direzione pianificata. 
La Mano Blu Solare, il nono Tono nel nono giorno dell'Onda, possiede un'energia di allineamento tra ciò che la Coscienza ci mostra come Visione Unitaria ed il modo in cui la personalità si mette al servizio per integrare quella Visione nella vita quotidiana. Arrivare a questo punto è una potente presa di responsabilità perché si supera la paura di rimanere nudi di fronte agli eventi. Può mancare il respiro, le gambe tremano ed il corpo duole. Ma non è forse quello che stiamo vivendo in questi giorni? Qual è il ponte per superare quel vuoto, quale obiettivo avere davanti che dia un sollievo lungo il cammino impervio? Seguire la Bellezza, osservare la Natura, stare dentro l'Acqua, al Mare, al Fiume, al Lago, sentirsi di nuovo Uno con gli alberi. Se continuiamo a rimanere dentro la mente cercando soluzioni vecchie a problemi nuovi, tanto per citare uno famoso (credo fosse di Einstein questa frase) non arriveremo mai da nessuna parte, anzi, la sensazione sarà quella di sprofondare dentro la disperazione e ci sentiremo vittime di un destino avverso. E' ora di accorgersi che il destino è un fiume su cui c'è una barca e la direzione verso cui la corrente si muove, la velocità che la corrente assume, sono monitorate dallo stato di coscienza di ciascuno, che risente dello stato di coscienza collettivo. Quanti più umani iniziano a comprendere di essere in grado di poter pilotare la propria barca, passando attraverso i vari ostacoli con agio, tanto più la corrente può essere calma ed il viaggio piacevole. Se invece ci sentiamo disperati e soli, la barca sarà ingovernabile ed andrà alla deriva. In ogni momento in cui ci troviamo in un disagio, in una prova difficile, proviamo a chiederci se veramente abbiamo bisogno di rimanere in quel malessere. E' veramente necessario per me vivere questa situazione? Sicuramente molti di noi risponderanno di no. Bene, creiamoci dunque una realtà diversa. Prendiamoci la responsabilità di fare una scelta, anche piccola, che ci porti passo dopo passo lontano da quel disagio. Se non riusciamo, siamo ancora emozionalmente agganciati e dovremo aprire ulteriori varchi di comprensione e compassione. La cosa importante è saperlo ed agire di conseguenza, prenderci lo spazio, respirare con amorevolezza, per quello che riusciamo a fare.
La direzione della corrente verso cui stiamo fluendo è il Grande Oltre, qualunque cosa questo significhi per noi, la Beatitudine, il Paradiso, il Nirvana, l'Unità Universale, uno stato di coscienza di assoluta Unità con il Tutto. Il nostro compito in questo momento topico della vita umana su questo pianeta è raggiungerlo ora qui, dentro le nostre vite, nonostante tutto. Perché il momento è adesso. Non esiste un altro tempo se non l'adesso.
In lak'ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila

LA CONVERGENZA ARMONICA - IL PAN ITALIA CELEBRA JOSE' ARGUELLES/VALUM VOTAN



Il Pan Italia è il gruppo italiano guidato da Antonio Giacchetti, traduttore di Arguelles,  che si occupa della diffusione della Cultura del Sincronario Galattico. In occasione dell'anniversario della Convergenza Armonica ieri mi è arrivato questo testo via mail che mi sembra utile da condividere per approfondire l'argomento. Il sito di riferimento del Pan Italia è 13lune.it




Oggi e domani, 16 e 17 agosto 2017, ricorre il 30° anniversario della Convergenza Armonica, la prima meditazioine globale dell'era moderna.
30 anni fa usciva neglin USA The Mayan Factor, il libro che fece conoscere al mondo il genio del Prof. José Argüelles, i Maya Galattici e la data della Fine del Ciclo, che nel successivo quarto di secolo avrebbe catalizzato l'attenzione dell'intero pianeta.
Nell'ultima pagina della versione originale di The Mayan Factor il prof. Argüelles convocava la Convergenza Armonica, invitando tutti coloro che sentissero il richiamo a recarsi nei luoghi sacri o di potere del pianeta, per dare vita a quella che sarebbe diventata la prima meditazione globale dell'era moderna.
Oltre che un Maya Galattico risvegliato, Valum Votan era un alto iniziato della tradizione Buddhista, avendo ricevuto gli insegnamenti diretti di Chogyam Trungpa Rinpoche, il primo Lama Tibetano che dette insegnamenti e iniziazioni buddhiste – anche i più elevati – fuori dal Tibet.
Questo gli permise di vedere – fu l'unico essere umano in grado di vedere – la formidabile convergenza di due ricchissime tradizioni profetiche, quella Mesoamericana e quella buddhista tibetana, in un punto preciso del tempo, 16 e 17 agosto 1987.
La profezia collegata all'insegnamento del Kalachakra, nella tradizione tibetana, si articolava in 16 periodi di 60 anni ciascuno. La profezia di Quetzalcoatl, della tradizione mesoamericana, è detta anche "dei 13 Cieli e 9 Inferni" in quanto consiste in 22 periodi, di 52 anni ciascuno, dei quali i primi 13 sarebbero stati 'celesti', ricchi di pace, arte, scienza, spiritualità, amore – mentre gli ultimi 9 sarebbero stati 'infernali', caratterizzati da guerre, ignoranza, densità, materialismo, odio.
Nonostante i due cicli abbiano avuto origine in punti diversi dello spazio (Tibet e Mesoamerica) e del tempo, le due tradizioni profetiche giungevano al termine nello stesso punto del tempo, 16 e 17 agosto 1987.
Nonostante la convocazione fosse stata fatta solo 4 lune prima, nell'ultima pagina di un libro di un autore sconosciuto, nonostante l'unico mezzo di comunicazione di massa 30 anni fa fosse il passaparola, e nonostante nessuno allora sapesse niente dei Maya, della Fine del Ciclo, delle meditazioni globali, la Convergenza Armonica fu celebrata in luoghi sacri o di potere di tutti i continenti da migliaia di persone, e si manifestò una serie impressionante di sincronicità.
Oggi le meditazioni globali sono all'ordine del giorno: apri la mail, leggi, e poche ore dopo milioni di persone meditiano in sincronia. Ma 30 anni fa non c'erano cellulari, internet, il fax era stato inventato solo 3 anni prima; eppure, la purezza del proposito di Valum Votan e la perfetta individuazione del punto nel tempo feceero sì che quel giorno, per la prima volta nell'era moderna, una massa critica della mente collettiva si sia focalizzata su questo pianeta, generando un'onda di armonia, sincronicità e pura magia.
Come nel caso della Giornata della Terra, oggi celebrata in tutto il pianeta ad aprile, nessuno ricorda che a convocare per la prima volta questi eventi fu il nostro maestro, Valum Votan. Al contrario, soltanto ieri il più accanito dei suoi denigratori tornava alla carica con un suo vecchio post, quasi a voler distogliere l'attenzione dalla ricorrenza odierna.
Noi invece celebriamo il trentennale della Convergenza Armonica diffondendo un testo pubblicato esattamente due mesi fa sul blog della Regina Rossa, Confessioni dalla Tomba, scritto in occasione del 65° anniversario dell'apertura della tomba di Pacal Votan a Palenque (Messico, 15 giugno 1952). Nell'ultima parte del testo c'è anche una meravigliosa citazione di Valum Votan.
Per una più esauriente disamina dei dettagli della Convergenza Armonica, vedi: 

In Lak'ech

Coordinamento PAN Italia

mercoledì 16 agosto 2017

ORACOLO DEL SINCRONARIO GALATTICO DELLE 13 LUNE - 17.08.2017 - ALLACCIATORE DEI MONDI BIANCO GALATTICO, KIN 86 - GIORNO 8 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU



L'Allacciatore dei Mondi Bianco risuona oggi al Tono Galattico, dentro l'ottavo giorno dell'Onda della Tempesta Blu, iniziata lo scorso 10 agosto. Il percorso della Tempesta Blu ha segnato momenti estremamente intensi a livello emozionale, perché questo Glifo possiede la vibrazione giusta per aprire varchi interiori e lasciar emergere ciò che era rimasto a lungo dimenticato. L'oblio ha una precisa funzione di difesa nel campo psicologico umano, con il risultato di creare sacche di ricordi obnubilati da cui emana una frequenza molto bassa, che noi registriamo come dolore. Ogni volta che viviamo qualcosa che entra in risonanza con quella bassa e densa frequenza, noi reagiamo come belve. Ci arrabbiamo, ci offendiamo, oppure ci sentiamo mortalmente feriti ed escludiamo categoricamente dalla nostra vita chiunque abbia osato sfidarci a rivivere quelle sensazioni. Ebbene, forse è il caso di diventare consapevoli che è la stessa frequenza densa che crea intorno a noi un campo energetico che entra in risonanza con altre basse frequenze, perpetrando il meccanismo doloroso ad oltranza.
Finché non si decide di entrare consapevolmente dentro quel campo per andare a ricercarne la radice.
Questo è quello che è successo durante i primi giorni dell'Onda della Tempesta Blu. Il suo Archetipo Galattico è il Trasformatore del Mondo, un essere che è capace di modificare lo stato di coscienza collettivo, così da cambiare le situazioni, dissolvere le tensioni, aprire il cuore ed il respiro. Altrimenti mai nulla ha la forza di poter essere modificato.
Nel giorno dell'Allacciatore dei Mondi Galattico tutto quello che è stato sviscerato e portato alla luce trova un suo posto dentro di noi. Questo è il momento dell'integrazione che porta ad un nuovo senso di integrità. Ci si sente di nuovo Uno, interi, pieni, completi. Da adesso in avanti, fino alla fine di questa Onda il prossimo 22 agosto, il Flusso di energia ci aiuterà a ricompattarci, creando senso di solidità e radicamento. La Tempesta Blu porta il caos per ripulire l'atmosfera, fa emergere il nascosto perché possa essere eliminato, poi lascia il territorio pulito, fresco, rinnovato. Anche l'aria è diventata più fresca e respirabile, non c'è più la tensione pesante del Fuoco in eccesso. Possiamo dunque lasciarci andare lungo un percorso di ricostruzione, sentendoci storditi come se fossimo usciti da un'operazione chirurgica. In effetti per molti di noi può essere stato così. Prendiamoci cura di noi stessi, ci stiamo sempre più avvicinando all'energia del Cane Bianco Cristallo, Kin 90, che è la Condivisione dell'Amore universale, il giorno in cui avverrà l'Eclissi totale di Sole. Se non maturiamo l'amore dentro, come possiamo pensare di condividerlo? 
In lak'ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila 

16 .08.1987/16.08.2017 - I TRENT'ANNI DELLA CONVERGENZA ARMONICA - L'INIZIO DELLA MISSIONE DI VALUM VOTAN, COLUI CHE VENNE A CHIUDERE IL CICLO


Il 16 agosto 1987, Aquila Blu Elettrica, Kin 55, fu una data profetica rivelata a José Arguelles/Valum Votan, inizialmente Professore Universitario, poi moderno Profeta visionario del Tempo Naturale delle 13 Lune di 28 giorni.


La Convergenza Armonica fu l'inizio della sua missione esistenziale di totale dedizione e servizio nel portare le informazioni relative al Nuovo Tempo, cercare di diffondere l'uso di quello che fu definito Dreamspell (l'Incantesimo del Sogno), per creare una forma pensiero vasta e attiva rispetto all'uso del Tempo. Nella moderna società occidentale il Tempo è Denaro, si corre ovunque inseguendo il nulla, si è scollegati dalla Madre, alienati ed isolati. Il Dreamspell, attraverso l'uso del Sincronario Galattico delle 13 Lune di 28 giorni fornisce un modello di Tempo armonico, di Tempo da dedicare alla creatività in senso lato, per stazionare quanto più a lungo possibile in uno stato di coscienza di auto-nutrimento, così da rendersi conto che il Tempo è Arte e la nostra vita può diventare un'opera artistica forgiata con gioia ed entusiasmo grazie ad una nuova visione di possibilità infinite.
Sono passati trent'anni da quel momento, 30 spin galattici, Valum Votan, il titolo raggiunto da Arguelles nel suo divenire Colui che è venuto a chiudere il Ciclo, ha lasciato il corpo il 23 marzo 2011 e Stephanie South, la Regina Rossa, continua la missione di diffusione della conoscenza della vera natura del Tempo. 
Siamo qui per ricordarci di essere scesi in missione volontaria - forse abbiamo perso la Strada di Casa, ma riattivare la memoria è possibile.
Allego il link sulla Convergenza Armonico dal sito 13lune.it, il sito ufficiale del PAN Italia guidato da Antonio Giacchetti, mio Maestro del Sincronario Galattico. L'articolo fu scritto da Giacchetti nel 2011 ed è interessante perché esplora tantissimi punti sull'importanza del cambio del calendario. Contiene inoltre la trascrizione dell'intervista che Arguelles rilasciò in occasione della Convergenza Armonica - Ecco il LINK
Buona lettura!
In lak'ech!
Stefania Gyan Salila

martedì 15 agosto 2017

ORACOLO DEL SINCRONARIO GALATTICO DELLE 13 LUNE - 16.08.2017 - SERPENTE ROSSO RISONANTE, KIN 85, PORTALE DI ATTIVAZIONE GALATTICA - GIORNO 7 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU

Opera di Pablo Amaringo

Il giorno 7 dell'Onda Incantata della Tempesta Blu è il primo Portale di Attivazione Galattica che si trova in questo ciclo di 13 giorni (fino al 23 agosto); ce n'è poi un altro nel decimo giorno dell'Onda, Tono Planetario della Manifestazione del Proposito, ma ovviamente ne scriverò a tempo debito.
Intanto focalizziamoci su questa bella energia del Serpente Rosso che risuona al Tono Risonante, che rappresenta l'apertura del Primo Chakra, la Radice che si collega alla Terra, per poter spingere la consapevolezza di sé fino al Cielo, fino al Settimo Chakra, che per l'umano è la Porta verso il Cosmo. 
Il Serpente Rosso, colore della Nascita, dell'Energia Vitale, è dunque legato all'immediatezza del mondo fisico, materico. Questo Glifo è il quinto tra le 20 Tribù del Tempo, i Kin Planetari che sono venuti qui in missione volontaria a risvegliare se stessi per diffondere quella che Arguelles e la Regina Rossa hanno definito la Universal Recollection, cioè il Ricordo di sé come frammento di un disegno estremamente più vasto. 
Oggi il Serpente Rosso risuona al settimo Tono tra i 13 Toni Galattici, chiamato Risonante. 7 è il numero mediano tra 1 e 13, e diventa dunque Punto Centrale, un varco di comunicazione e risonanza tra il corpo, che diventa come una campana di cristallo stimolata dalle vibrazioni energetiche della galassia, ed il Cosmo stesso, che viene percepito dall'umano come una sensazione di pienezza estatica, di possibile perfezione, di centratura e di immenso benessere. 
Il Serpente Rosso Risonante è portatore di un'importante informazione per la consapevolezza individuale: il corpo fisico può contenere la vastità, diventando il ricettacolo della Sincronicità, così da rendersi conto di come ogni cosa accade in una sua perfezione. Il Serpente Rosso è portatore di Vita, di Forza, di Sopravvivenza. Dalla sua prospettiva non si può che amare l'Esistenza in modo profondo perché ci rendiamo conto che, nonostante la grande fatica, abbiamo intessuto un disegno primordiale attraverso i nostri passi, gli errori, le sviste, le svolte, le scelte, le direzioni prese, i rischi accettati. Abbiamo finemente ricamato un Mandala che illustra le forme geometriche contenute nel nostro DNA, e non si può negare che ciò che abbiamo sperimentato non sia nato come nostra manifestazione. Questa è la visione di perfezione da cui veniamo risvegliati. Tutto viene visto dal punto di vista del Maestro Interiore, quale il Serpente Rosso è, quando comprendiamo che  la Sincronicità è uno strumento di creazione e di lettura della realtà. Così ci si accorge che i periodi intensi, come questo attuale, per esempio, non sono altro che un Rito di Iniziazione (l'Archetipo Galattico del Serpente Rosso è l'Iniziato) che farci accedere ad un diverso stato di coscienza.
Così il giorno centrale dell'Onda della Tempesta diventa un varco di Tempospazio Cosmico in cui sentirsi collegati con una Radice estremamente profonda della Terra. La densità ci chiama per prenderci una responsabilità, grazie alla quale potremo ancorare in Cielo una nuova possibilità di elevazione. Verso dove elevarsi, verso quale stato dell'essere, verso quale purezza di visione, quello dipende da quanto ampiamente vogliamo sgranare gli occhi per cogliere con fiducia la Meraviglia.
In lak'ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila

ORACOLO DEL SINCRONARIO GALATTICO DELLE 13 LUNE - 15.08.2017 - SEME RITMICO GIALLO, KIN 84 - GIORNO 6 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU


Questo è il giorno del Seme Giallo che risuona al Tono Ritmico, Kin 84, che letteralmente significa mettere ordine nelle nostre priorità per portare a concretezza ciò che è essenziale, ciò che ci dà gioia fare, i nostri talenti, evitando inutili dispersioni energetiche.
Sono passati 20 giorni dall'inizio del nuovo Anno delle 13 Lune di 28 giorni, Seme Giallo Cristallo, Kin 64, lo scorso 26 luglio. La natura del Seme Giallo racconta di cicli di morte e rinascita trasformativi, nel momento in cui si perde una parte di sé per far emergere l'Oro interiore della Saggezza. Ogni volta che il Seme Giallo ritorna, in uno spazio di cicli di 20 giorni, torniamo con l'attenzione sulla necessità di dare spazio al nostro talento, affinché anche noi possiamo fiorire nella possibilità di rendere vero e concreto qualcosa a cui teniamo tanto, qualcosa che è frutto di una passione, qualcosa di cui siamo innamorati. La frequenza dell'Innamoramento è la migliore vibrazione da indossare per co-creare un'esistenza di abbondanza e di pienezza e per le prossime 12 Lune (oggi è il 21° giorno della Prima Luna che finisce tra 7 giorni) il nostro compito è quello di inventare creativamente circostanze in cui poter sperimentare questo stato di coscienza.  
Come si fa? Non ci si può certo inventare di essere innamorati, sarà sicuramente l'obiezione.
Invece sì! Lo si sceglie, cercando di vivere il più possibile dentro situazioni che sono per noi la Passione. Cosa ci fa sognare? La coltiviamo, dedichiamo a questa attività tempo, attenzione. Cosa ci ricarica? Ecco che troviamo una modalità di integrare quella situazione nella quotidianità. Coltivando qualcosa che ci dona gioia, che annulla il tempo, che porta via l'attenzione dai bisogni del corpo, noi annulliamo lo Spazio/Tempo e la loro condanna alla corsa dis-umana verso cose inafferrabili ed effimere. Troviamo, nutriamo, irrighiamo Tempospazio per noi stessi, per ascoltarci e coltivare il talento, qualunque cosa sia a qualsiasi livello, strato dell'essere ed ubicazione nel quotidiano. Ci siamo. Rimaniamo presenti per noi stessi.
Ci sono anche quelli che sono innamorati di un altro essere e qui sarà molto più facile coltivare e raggiungere uno stato di Innamoramento, alimentandolo continuamente con una frequentazione assidua, ecc. Come spesso scrivo, è bello ancorare quello stato nel Profondo, per ricordarsi che se riusciamo a sentirci così bene, così aperti, invincibili, bellissimi, protetti, coccolati, felici, è perché tutte quelle qualità sono già dentro di noi e vengono attivate dallo sguardo e dalla presenza di quello che potremmo definire "oggetto dell'amore", cioè l'eventuale partner. 
Di solito accade che, una volta andato l'oggetto dell'amore, se ne va anche lo stato di apertura e si ripiomba nella mancanza, con il conseguente stato depressivo. Eppure lo stato di innamoramento non è necessariamente collegato alla presenza dell'altro. Quella è una proiezione del Bambino Interiore che vuole essere amato. Bene, amiamolo pure, trasferendo quella beatitudine provata con il partner all'interno del nostro pancino, perché è così nutriente donarsi amore e ascolto. Rimanere in serena compagnia di se stessi, anziché rifuggirne totalmente le occasioni. Impariamo dallo stato di estasi provato a ricrearlo in tanti momenti diversi ricercando ciò che ci fa sentire esattamente così, che però non dipenda per forza da una terza persona. Qual è la nostra passione? Alleniamoci a curarla, essa può diventare il talento con cui ricreare costantemente un modus vivendi che diventa espansione ed abbraccio, come se si attivasse una fontana di luce dal centro del nostro essere fino al mondo esterno. Che ci ricambierà con altrettanto amore. Perché passione genera passione, coinvolgimento, intimità, connessione. Ecco, questo Anno delle 13 Lune, fino al prossimo 24 luglio 2018 apre questo tipo di spazio a chi vuole inoltrarcisi.
In lak'ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila

lunedì 14 agosto 2017

ORACOLO DEL SINCRONARIO GALATTICO DELLE 13 LUNE - 14.08.2017 - NOTTE BLU INTONANTE, KIN 83 - GIORNO 5 DELL'ONDA DELLA TEMPESTA BLU

Dipinto di Amanda Sage - amandasage.com


Qual è l'insegnamento di oggi, nel quinto giorno dell'Onda Incantata della Tempesta Blu? Qual è l'incantesimo da spezzare sognando un sogno ancor più grande, che ci risvegli dall'ipnosi?
Oggi si può apprendere a gestire il Vuoto in maniera creativa. 
Procedendo con ordine, ci troviamo dal 10 agosto dentro i 13 giorni della Rigenerazione (l'Onda di cui sopra). Per rigenerarsi occorre in qualche modo morire, mettendo a fuoco ciò che non è più utile per il proseguimento del nostro cammino. Morire ai vecchi sé, ai vecchi pensieri, costrutti, condizionamenti, per lasciar brillare ciò che si trova sul fondo, nell'Essenza spesso sepolta sotto le maschere. Come sempre, le maschere possono servire, sono difese funzionali; bisogna solo esserne consapevoli per non scambiarle con la verità deviata di noi stessi. Cioè, non separiamo le nostre parti in buone o cattive. Siamo sempre comunque noi, la parte sana e quella ferita.
Mentre avanziamo in questo percorso di 13 giorni, fino al 23 agosto, mettendo in luce ciò che vorremmo lasciar andare, sicuramente passiamo per il Senso di Vuoto. Tra il momento in cui lasciamo andare e quello in cui il Nuovo si rivela avanza il Silenzio. Ci deve essere per forza una pausa dedicata all'Ascolto, alla Delicatezza, al Ritiro. Questo è un punto in cui molti di noi si spaventano. Dopo che è stata lasciata la casa dell'ex marito o della ex moglie, per esempio, non sarà sempre veloce la ripresa. Ci deve essere il periodo del lutto, in cui tutto è buio ed è assenza. Non è una punizione. E' una pausa di sospensione in cui lasciamo emergere ciò che sarà poi la nostra nuova realtà. Così come un embrione si sviluppa in un ambiente chiuso e buio, il ventre materno, così l'umano si ritrova all'interno della propria pancia quando decide di portare un cambiamento dentro l'esistenza, uno spostamento che sia per amore di se stesso. Avere il coraggio di rimanere fermi, immobili, in silenzio, è il più grande nutrimento che ci permette di fiorire. Allontaniamo pure la paura della solitudine, respiriamoci dentro, è solo il Bambino Interiore che ci invia il suo disagio. Ascoltiamolo, che non abbia più bisogno di gridare.
Ecco che interviene la Notte Blu Intonante, la Forza del Sogno che ci guida attraverso i segnali. Nel buio non si possono usare i sensi fisici, non funzionano in quel contesto. Così si attiva l'intuizione, la sincronicità, il segnale silenzioso ma costante inviato dallo Spirito per confermare la sua Presenza, per rassicurare l'umano smarrito sull'esattezza del percorso intrapreso.
Il buio è il territorio di coltura dei nuovi embrioni del Sé. Il Sogno è lo spazio creativo in cui poter dare vita alle immagini del Nuovo. Quanto più osiamo vederci all'interno di un contesto ardito rispetto a dove ci troviamo ora, maggiore sarà lo spazio che riusciremo a varcare per arrivarci, nutrendo le immagini con amore, dedizione, gioia ed entusiasmo. 
La Notte Blu Intonante è la forza nascosta ed improvvisa che nasce dall'osare e dall'usare l'immaginazione con la Fiducia che dentro di noi la Guida è presente e ci sta portando dove si trova il nostro nuovo posto. La Notte Blu è il contatto con tutto quello che ci nutre da sempre dal Profondo, rimasto finora di difficile accesso perché nascosto sotto il chiacchiericcio della mente. La Tempesta Blu sta dissolvendo gli antichi costrutti, gli antichi patti. Il Nuovo avanza e noi con esso.
In lak'ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila