lunedì 19 marzo 2018

ONDA INCANTATA DEL SOLE GIALLO, KIN 40/52 - 19/31.03.2018 - I PARADIGMI DEL TEMPO RADIALE


Dal 19 al 31 marzo 2018 navighiamo dentro l'Onda Incantata del Sole Giallo, il Portatore di Illuminazione e Chiarezza. Nello Tzolkin ci spostiamo dal Kin 40 al Kin 52.


Attualmente ci troviamo nel 13° giorno della Luna Solare, la Luna dell'Intenzione: durante questi 28 giorni (07.03/03.04) è importante mantenere la focalizzazione sull'obiettivo, evitando distrazioni e dispersioni. Stiamo per entrare nella stagione della Fioritura e della Manifestazione. Affinché il risultato sia buono, l'energia va incanalata fluidamente nella giusta direzione allineando con il Respiro e la pratica quotidiana del Sincronario Galattico delle 13 Lune di 28 giorni.
Il 13° giorno della Nona Luna, la Luna Solare, è un giorno Limi, Plasma Radiale che governa il Terzo Chakra. Esistono 7 Plasma Radiali che attivano le 7 Sfere Mentali giorno dopo giorno nel corso di una Eptade (settimana) di ogni Luna. La nostra mente è ben altro rispetto a quello che viviamo nel quotidiano. E' uno strumento sopraffino che è necessario imparare a gestire affinché essa si trasformi in un computer di facile accesso e gestione. Attraverso le Meditazioni quotidiane fornite dal Sincronario Galattico, ripetendo a voce alta al nostro cervello le nuove parole chiave dei Kin, dei Plasma Radiali, educhiamo la mente a superare le vecchie impostazioni, creiamo l'Incantesimo del Sogno in ogni giorno della nostra vita ed usciamo dall'ipnosi.
Questa è una visione del Tempo Radiale, non più lineare. Non esiste passato, presente o futuro, ma un flusso potente di informazioni che noi stessi possiamo diventare.
I Plasmi si chiamano Radiali perché si susseguono a spirale, e non in modo lineare come è uso nella nostra dimensione. Ogni Plasma è connesso con un Chakra, che diventa il punto in cui confluiscono le informazioni in quel dato giorno. I valori di quel Chakra sono la funzione che andiamo ad esplorare. Per esempio, oggi siamo chiamati a sperimentare la forza di volontà, Terzo Chakra, la tenacia, il valore che diamo a noi stessi, ma anche la manipolazione e i conflitti di potere, ma anche quanto siamo succubi delle paure.


Alla fine dei 7 giorni abbiamo costruito il ponte di connessione tra le 7 Sfere che confluiscono nel Percettore Olomentale; con la pratica si trasforma il cervello in uno strumento di percezione delle frequenze più elevate, in modo da sintonizzarsi con la realtà di ciò che è.




Ho parlato di tutta questa struttura perché il Kin 40, Sole Giallo Magnetico, è uno dei 13 Segni Chiari scolpiti sul bordo del coperchio del sarcofago di Pacal Votan, colui che venne ad aprire il ciclo, l'astronauta maya vissuto nel 600 d.C. Egli venne a portare ai terrestri la Legge del Tempo, ripresa, sviluppata e diffusa da Arguelles che è stato una sua emanazione come Valum Votan, venendo ad assisterci con il Sincronario Galattico nella chiusura dei cicli nel 2012. 
Il significato dei 13 Kin scolpiti è collegato con la Storia Cosmica così come Arguelles ha approfondito (per chi conosce l'inglese questo link è molto interessante). In particolare, il Sole Giallo Magnetico, Kin 40, si trova sul lato sinistro in basso insieme all'Allacciatore dei Mondi Bianco Cosmico, Kin 26, ed insieme simboleggiano la resurrezione nel Nuovo Tempo. Quindi questa Onda Incantata ci apre la porta anche per sperimentarci nell'acquisizione di paradigmi diversi del Tempo. Sempre citando Arguelles, il Tempo è coscienza, come lo viviamo determina chi siamo. Cambiare noi stessi, cambiando il mondo, implica uscire da costrutti disfunzionali che ci costringono a sopravvivere, senza riuscire mai ad esprimere i nostri veri colori.
Illustrare il funzionamento di questa nuova visione è per me molto importante perché sperimentando ho notato i cambiamenti in me, l'apertura di mente e la centratura che ho acquisito rispetto a prima.



Il progetto a cui ci si apre durante i 13 giorni dell'Onda del Sole Giallo è soprattutto lo sviluppo della Presenza, oltre il fare. Il Sole Giallo, in quanto Archetipo Galattico dell'Illuminato, siede in totale presenza alla Vita, donando ciò che è, assorto nel profondo silenzio da cui nasce spontaneo un sorriso di completa accettazione. Questo è l'Essere oltre la Mente, colui/colei che osserva e crea e partecipa contemporaneamente alla realtà nello spazio di un Respiro.
Ogni giorno dei 13 ci chiama a questo tipo di atteggiamento, e anche quando siamo presi dai mille impegni e dal continuo cicaleccio delle parti superficiali, ritorniamo nel Punto del Silenzio, mantenendo attraverso il respiro consapevole la porta aperta verso il Sé.
Non è sicuramente un obiettivo semplice da conseguire per la complessità di cui l'umano è portatore, tuttavia può essere un viaggio interessante. Potremmo scoprire che il Silenzio è un compagno prezioso, che la Solitudine diventa Solitarietà, e che lo sguardo può arrivare finalmente ad ammirare le bellezze rimaste finora celate.
Come sempre, buon viaggio!
Stefania Gyan Salila


Nessun commento:

Posta un commento